Chi volesse inviarmi notizie, messaggi, comunicazioni di manifestazioni ed eventi da pubblicare sul blog può farlo attraverso la mail niko.25@hotmail.it



AIUTATECI A TROVARE NATALINA PAPANDREA

AIUTATECI A TROVARE NATALINA PAPANDREA

Le campionesse del volley contro la violenza sulle donne.

sabato 21 aprile 2018

UN BILANCIO DI PREVISIONE SENZA ANIMA E CUORE

Ieri pomeriggio si è tenuto il Consiglio Comunale dove si è discusso il bilancio di previsione del prossimo esercizio finanziario dell'Ente, con annesso il dup (documento unico di programmazione) del triennio 2018/2020.
 
Riportiamo, a seguire, l'intervento della consigliera Vanessa Riitano, capogruppo di "Roccella Bene Comune", che ha ripercorso e spiegato le annose criticità di una gestione amministrativa che ha spento la sua forza propulsiva e sta vivendo il periodo peggiore degli ultimi 15 anni con un paese lasciato allo sbando nella sporcizia più assoluta e in balìa della più alta tassazione fiscale di tutti i tempi.
 
 

Siamo qui a discutere un bilancio di previsione che ricalca quasi fedelmente quello degli anni precedenti, un bilancio che esalta il lavoro dei tecnici che hanno fatto di tutto per trovare la quadra e l’approvazione del revisore dei conti, ma che non dà una direzione incisiva verso nuove opportunità di sviluppo e crescita del paese, perché è basato quasi esclusivamente su entrate da tributi, nonostante la crescente sofferenza delle famiglie dimostrata dal sempre maggiore numero di accertamenti per mancati pagamenti dei tributi e lo spopolamento del paese che sta interessando tutta la fascia di età dei giovani oltre i 20 anni.
 
Non troviamo nessuna misura contro il disagio delle famiglie e a favore di investimenti nei settori produttivi quali l’artigianato, il commercio, la pesca. 
 
E sul turismo, che dovrebbe essere la punta di diamante della nostra cittadina, non vi è una seria pianificazione, un sistema di promozione integrale e annuale (non stagionale o addirittura solo agostana) che dovrebbe fare da traino all'economia del paese. 
 
La crisi economica, sociale ed occupazionale di questi anni, che non ci ha risparmiato minimamente, avrebbe dovuto essere il pungolo che avrebbe dovuto spingere questa amministrazione verso una maggiore sensibilità sociale, verso il tentativo di mitigare la pressione tributaria e concedere delle misure volte a contrastare il gap economico e sociale presente anche nel nostro paese tra le diverse fasce sociali roccellesi. 
 
A tutto ciò si aggiunge la paventata notizia del rischio chiusura del Polo Sanitario, per cui ci saremmo aspettati una parola, un gesto, un’iniziativa. 
 
Dopo la chiusura negli anni passati di altri uffici pubblici, la chiusura del Polo Sanitario - che negli anni è stato depotenziato da quando i servizi sono stati portati nella struttura che doveva essere destinata a mercato coperto - sarebbe una penalizzazione che Roccella Jonica non merita affatto, considerata, la presenza di molte persone appartenenti alla terza fascia di età, che troverebbero molto difficoltoso doversi spostare per le visite e i servizi medici negli altri paesi. 
 
Diciamoci la verità, visto che ormai non è mistero: oltre a qualche notizia di richieste o ammissioni a finanziamenti, il paese è completamente fermo al palo.
 
Si sono spese centinaia di migliaia di euro per la redazione del piano strutturale associato di cui ormai non si parla più. Paghiamo lo scotto di una scelta politica inspiegabile allorquando avete deciso di associarvi con il Comune montano di Nardodipace, che più volte vi abbiamo detto essere lontano anni luce dai nostri parametri edilizi, storici, socioeconomici e culturali. 
L'edilizia, uno dei settori strategici della nostra economia, è in coma profondo per via della paralisi degli strumenti urbanistici e per l'azzeramento di tutti gli interventi consentiti per il piano casa.
 
Sul Porto tentate di distrarre dal mancato decollo economico, con il progetto della creazione di energia dal moto ondoso, ma nessuno parla di un porto deserto per 9 mesi l’anno... il fatto che il servizio ristoro per tutto l’inverno è garantito da un distributore automatico di caffè e cappuccini fa riflettere sulla dimensione in cui è sprofondato il mastodontico disegno sul Porto delle Grazie. E pensare che avrebbe dovuto essere il volano di sviluppo per tutta la Locride!!!
 
Ci chiediamo dove sono i 3 milioni e 150 mila euro di investimenti che la Società “Porto delle Grazie” avrebbe dovuto spendere sul Porto nei primi tre anni, così come firmato nella concessione e altresì dove sono le 20 unità di posti di lavoro che sempre nel Contratto di Concessione la Società si era promessa di assumere.
Sempre in merito al Porto oggi appuriamo che nelle previsioni si è tenuto conto del divieto disposto dall’art.6 comma 19 del D.L. 78/2010, di apporti finanziari a favore di società partecipate che abbiano registrato per tre esercizi consecutivi perdite di esercizio o che abbiano utilizzato riserve disponibili per il ripiano di perdite anche infrannuali. Ecco che tutti i nodi di una gestione al 71% comunale, stanno venendo al pettine. 
 
In questi anni ci siamo resi conto che il bilancio di previsione è un atto teorico e che non si traduce mai in un fattivo riscontro per le famiglie o nel progresso del paese.
Non parliamo di chissà quali investimenti, ma di ordinaria amministrazione, che oggi a fatica e talvolta in maniera lacunosa si gestisce. 

Il paese vive nella sporcizia più assoluta, non nascondiamoci dietro al dito! 
I bandi di assunzione per prendere personale stagionale non hanno risolto alcunché circa lo stato di squallore assoluto in cui si trovano moltissime zone, vie e rioni del paese!
 Per non parlare del percorso panoramico del castello e sul torrente zirgone... siamo all’anno zero!!!
 
Non avete voluto avviare la pratica del baratto amministrativo, ne' tantomeno ragguagliarci su ciò che avete deciso in maggioranza circa tale strumento, dopo che abbiamo convocato una commissione il 29 dicembre scorso e dopo che vi abbiamo consegnato una bozza di regolamento, suscettibile (se solo aveste voluto) di qualunque variazione aveste ritenuto opportuna... invece inspiegabilmente avete ignorato il tutto dopo che il ragioniere non aveva posto vincoli tecnici o di fattibilità, affermando che si trattava solo di una vostra scelta politica, che si poteva quantomeno applicare per un periodo di prova. 
 
Sulla differenziata, che dire, dopo aver applicato in questi anni aliquote incredibilmente alte per famiglie ed esercizi commerciali, dopo essere precipitati nella percentuale di raccolta differenziata tanto da non essere più annoverati fra i comuni ricicloni, si è arrivati al sistema di controlli sommari, con l'apposizione indiscriminata di avvisi di raccolta non conforme e tutto quello che ci siamo detti nello scorso consiglio comunale.
 
Una su tutte però la voglio sottolineare: l’umido, che fino a qualche anno fa doveva essere una risorsa con il conferimento nell’impianto di riciclo di Vazzano per la formazione del compost da utilizzare negli spazi verdi del paese e da dare ai cittadini, oggi sappiamo invece che arriva nell’impianto di Siderno e che viene smaltito alla pari dell’indifferenziato; oggi ci dite che acquisterete le attrezzature di compostaggio familiare. Non è stato corretto ne trasparente da parte vostra questo tipo di gestione dell'informazione. 
 
Abbiamo provato a sensibilizzare la vostra coscienza. E’ passato un anno da quando abbiamo lanciato le nostre proposte, oltre che per il baratto amministrativo, per il fondo di solidarietà per le famiglie a basso reddito suggerendo anche da dove poter attingere i fondi. Purtroppo constatiamo che i servizi sociali erano e continuano ad essere per voi un tasto dolente. 
 
In merito alle opere pubbliche nessuna sorpresa, ritroviamo sempre le stesse voci degli altri anni: ampliamento del cimitero, efficientamento del sistema di depurazione, ristrutturazione campo di calcio e cosi via. 
Insomma, nessuna novità di rilievo.
 
Noi non siamo affatto per questo appiattimento totale, ne' per promesse faraoniche che poi non trovano attuazione, ma siamo per un’idea di rinnovo della mentalità amministrativa che, per quanto attiene gli investimenti per opere pubbliche passano dalla realizzazione dell’Autonomia Idrica, dalla individuazione di aree destinate agli investimenti produttivi, che darebbero sollievo alla disoccupazione, al rilancio della cultura che possa passare anche dalla costruzione di una biblioteca, sala multimediale, un museo dei vecchi mestieri, delle tradizioni e della storia roccellese o anche una succursale dell'università di architettura di Reggio Calabria, che sia specifica del restauro, il tutto da realizzare presso le sale del palazzo Carafa. 
 
Abbiamo suggerito di pressare per la ristrutturazione dell’ospedaletto in maniera da liberare le possibilità del Mercato Coperto.
 
Da anni assistiamo alla lenta ed inesorabile erosione costiera ma, nonostante fondi disponibili, in questa direzione da parte vostra nessuna mossa all'insegna della protezione del nostro litorale, di cui mi sono occupata personalmente più volte. 
Considerato che i pennelli, datati ormai da oltre due decenni, stanno a stento tenendo le mareggiate, e anzi producono più danni che utile, niente vediamo prodursi per la difesa costiera che è una delle maggiori e migliori risorse che il paese possiede che Madre Natura ci ha cosi generosamente regalato. 
Mentre invece le priorità di questa amministrazione sono state il congestionamento della spiaggia con nuovi stabilimenti balneari.
 
Sui servizi a domanda individuale, abbiamo notato che per alcune voci è prevista una parziale o totale copertura delle spese con le entrate (vedi servizi funebri e cimiteriali, teatro e auditorium, refezione scolastica), ma non è prevista una copertura delle spese con le entrate per ciò che attiene agli impianti sportivi o all'asilo nido. Ci chiediamo perché la collettività deve pagare per l'utilizzo di impianti sportivi e non deve contribuire per la refezione scolastica! 
 
Guardando al fondo crediti di dubbia esigibilità secondo il revisore, vengono accantonati il 19/ 23% dei fondi mentre per la Tari il 51%... dato che deve far molto riflettere! Come mai? La risposta è semplice ed è da ricercare nella vostra consapevolezza dell'ormai conclamata difficoltà dei cittadini di pagare la tassa sulla spazzatura.
 
Sugli organismi partecipati il revisore fa notare che nonostante siano aumentate le partecipazioni comunali, l'ente non ha provveduto a impartire direttive volte a verificare l'attuazione di misure per il contenimento della spesa del personale e che non ha definito un sistema di controlli sulle partecipate, in particolare si parla di controllo sul definizione di obiettivi gestionali della società, sul monitoraggio periodico dell'andamento della società ed eventuali azioni correttive e soprattutto di controllo sul bilancio consolidato (su cui, per quanto ci riguarda, gravita un alone di mistero).
Il revisore invita altresì l'ente a porre la massima attenzione in riferimento ai rapporti crediti/debiti con la società partecipate! Invito che vi fa ormai da anni!
Sul contenzioso il revisore invita l'ente ad adottare un sistema di monitoraggio per verificare la congruità degli accantonamenti al fondo rischi per spese legali!
Ma soprattutto egli vi invita adottare politiche di rientro graduale del debito in modo tale che si incida di meno sulle spese per interessi…
 
Sappiamo tutti che è aumentato il debito per via dei prestiti, che le spese di soggiorno non vengono versate al Comune, che il Comune di Caulonia deve a quello di Roccella per il depuratore una somma che si aggira intorno ai 400.000 €, che le anticipazioni che il Comune ha fatto per la svolgimento del Roccella jazz festival per gli anni 2015, 2016 e 2017 arrivano a 400.000 €… Tutto questo genera un gravissimo problema di mancanza di liquidità le cui conseguenze si noteranno soprattutto a lungo termine!
Per tutti i motivi sopra riportati consideriamo questo bilancio e il DUP 2018-2020 (quest'ultimo giuntomi solo 2 gg fa) molto povero di idee capaci di dare vera propulsione allo sviluppo o quantomeno favorire una maggiore quanto sperata vivibilità del nostro paese.

Nessun commento:

Posta un commento

DUE STRAORDINARI SCATTI DI ANGELO LAGANA'

Un Lungomare così, a Reggio, non si vedeva da tanti tanti anni. Le Frecce Tricolori hanno richiamato in città decine di migliaia di persone da tutte le province calabresi e da gran parte della Sicilia. La via Marina, completamente chiusa al traffico in occasione della seconda “domenica sostenibile”, s’è gremita di circa 100.000 persone che nel pomeriggio hanno assistito incantate allo spettacolo dell’Air Show “Scilla & Cariddi” con l’esibizione delle celebri Frecce Tricolore.

.

.
.

.

.

VINCENZO MILANO CI REGALA L'ECLISSI SOLARE VISTA DAL CASTELLO

.

Oggi 20 marzo, nonostante le nuvole, abbiamo potuto assistere, dalle nove e mezza fino alle undici, all'eclissi di sole. Qui da noi il sole, "coperto" dall'ombra della luna, si è oscurato soltanto per il 41%. La prossima eclissi parziale avverrà nel 2026 mentre per avere un'altra eclissi solare totale dovremmo "attendere" fino al 2081.
Questo straordinario evento è stato filmato dal videomaker Vincenzo Milano del Laboratorio DreamLab Studio di Roccella Jonica dalla postazione della Torre di Pizzofalcone. Un video, montato e musicato con grande sapienza, capace di trasmettere un brivido di emozione.

FESTIVAL JAZZ: DALLA GRANDE ILLUSIONE ALL'IMPIETOSA REALTA'

.

.
Il regalo di Natale del M°. Angelo Laganà

OLTRAGGIO ALLA CITTA'

OLTRAGGIO ALLA CITTA'
OLTRAGGIO ALLA CITTA'. Foto di Angelo Laganà
Bellissimo video su Roccella Jonica realizzato e concesso da Roberto Naldi - operatore di ripresa per la RAI - di Empire 2000.

Fantasia e tanto divertimento per questo video davvero simpatico. Complimenti agli autori!

Fantasia e tanto divertimento per questo bel video sulla differenziata davvero molto simpatico. Complimenti agli autori
L'importante è che gli artisti del Jazz (con tutto il rispetto per gli artisti del Jazz) dormano nell'hotel a 5 stelle!!!

DOPO LA SOPPRESSIONE DEI TRENI CHE DALLA FASCIA IONICA DELLA CALABRIA PARTONO ED ARRIVANO DA TORINO E MILANO, TRENITALIA ED RFI HANNO DECISO DI SOPPRIMERE DAL PROSSIMO MESE DI DICEMBRE IL TRENO PER ROMA CREANDO COSI' UN ENORME DISAGIO PER TUTTI I VIAGGIATORI CHE DALLE GRANDI CITTA' SONO DIRETTI NELLE NOSTRA AMATA TERRA.



NESSUN POLITICO SI STA MUOVENDO, NESSUNA ISTITUZIONE STA CERCANDO DI TROVARE UNA SOLUZIONE.



TUTTO CIO' PROCURERA' NON SOLO UN PROBLEMA LOGISTICO PER LE MIGLIAIA DI PERSONE CHE CAUSA FORZA MAGGIORE VIVONO, STUDIANO O LAVORANO AL NORD ED AVRANNO MOLTE DIFFICOLTA' NEL RITORNARE A CASA, MA QUESTO PROVOCHERA' ANCHE UN INEVITABILE CALO NEL SETTORE DEL TURISMO, UNICO SOSTENTAMENTO NELLE ZONE DIMENTICATE DA POLITICA E POLITICANTI.



UN NETTO CALO DI TURISTI SI ERA GIA' AVVERTITO NEGLI SCORSI ANNI ANCHE E SOPRATTUTTO A CAUSA DELLE DIFFICOLTA' NEI TRASPORTI, MA ORA QUESTA DECISIONE CHE RITENIAMO ASSURDA E SENZA SENSO, AVRA' DEI RISVOLTI DISASTROSI PER TUTTI I PAESI CHE VANNO DA CATANZARO A REGGIO.



SE POLITICI COMPIACENTI NON HANNO INTENZIONE DI TROVARE UNA SOLUZIONE QUESTA VOLTA SONO SICURO CHE LA SPINTA DEBBA PARTIRE DAL BASSO E DA CHI VIVE ED AMA LA NOSTRA TERRA.



INSIEME POSSIAMO!



http://www.facebook.com/home.php?sk=group_168290399868580

ECCO PERCHE' POCO PIU' DI UN ANNO FA PESTAVA I PUGNI SUL TAVOLO DEL CONVENTO DEI MINIMI

ECCO PERCHE' POCO PIU' DI UN ANNO FA PESTAVA I PUGNI SUL TAVOLO DEL CONVENTO DEI MINIMI
Quale sindaco mai oltre a lui stesso o a chi per lui avrebbe consentito una liquidazione cosi rapida a suo favore? Un ulteriore una tantum prelevato da un fondo "segreto e nascosto". Cari elettori meditate...Dedicato a tutte quelle associazioni che partecipano alle riunioni con l'amministrazione la quale puntualmente ricorda pressappoco cosi: "Non chiedete soldi perchè non ce ne sono!"

UN FACCIA A FACCIA CON IL SINDACO CERTOMA' DAI TONI ACUTI!

Due ore e un quarto di "scontro" verbale e dialettico senza esclusione e risparmio di colpi e di energie, l'incontro con il prof. Certomà è finito in una inevitabile bagarre, visto che di fronte c'era una persona (il sindaco di Roccella Jonica, completamente cambiato rispetto a 10 anni fa) che nega l'evidenza e lo stato reale delle cose, che ha cercato anche con paroli forti e becere (offendendo facendo l'offeso) di mettermi in difficoltà, ma che in difficoltà è caduto lui visto che non ha saputo rispondere a nulla "perchè io rispondo solo dei fatti che si sono verificati in questi 6 mesi che sono sindaco della città!!!"
E' una assoluta vergogna essere governati da persone non consapevoli che il commercio roccellese è allo sbando, gente che è convinta che il turismo in queste ultimi 15 anni è aumentato a dismisura e cieche davanti a tutte le opere abbandonate (bretella alla SS106, parco collina e parco giochi di via Zirgone, caserma e spogliatoi e parcheggi del porto, ospitaletto, mercato coperto, mercato ittico, area fitness, hotel Ariston, e ultima la piazzetta di via Aldo Moro!)
Io mi auguro di vero cuore che i roccellesi iniziano ad aprire gli occhi perchè, oggi più che mai, mi rendo conto di quanto l'amministrazione comunale e la cittadinanza è succube di Sisinio Zito ma, purtroppo, finchè ci sarà lui a manovrare i fili con l'unico intento di portare più risorse possibili alla sua associazione del festival jazz, Roccella non avrà speranza!!!
E pensare che sarebbe bastato che il Governo Prodi avesse varato la strabenedetta legge sul conflitto d'interesse a far si che il "nostro" senatore" si ritirasse dalla scena da solo!!!

16 ottobre 2005-16 ottobre 2009:4 anni dall'omicidio Fortugno."U cumpari du cumpari e to' cumpari!"

I VINCITORI DI ROCCELLA ON YOUTUBE

Tre straordinari video sono saliti sul podio in questa 2° edizione del Concorso curato da Mariagrazia Curciarello. Tre video, diversi fra loro, che li accomuna solo la volontà di valorizzare al massimo le risorse naturalistiche di Roccella Jonica, obiettivo riuscito appieno grazie alle idee che hanno sbizzarrito la fantasia degli autori, ma anche del montaggio del video, agli "attori" e agli ambienti.
Meritato primo posto per l'invenzione "Scirobetta" dal nome dei due cortiggiani del re Carafa che nel caldo estivo roccellese ha trovato rinfresco solo con questa speciale bibita a base dei nostri limoni... Simpaticissimi e bravissimi davvero tutti i ragazzini-attori che hanno recitato nel video. Con questo video credo che si mostra per la prima volta l'interno del nostro castello in via di restauro in rete. 10 e lode a Francesco Cappelleri, complimenti vivissimi.
Solo un'idea cosi innovativa poteva battere il vincitore dello scorso anno. Alessandro Neumann, dopo il simpaticissimo "U Pirozzu" con cui ha trionfato nella prima edizione, ha girato il secondo atto che si chiama "U tarantozzu" ed è ancora una volta uno strepitoso successo. Le suggestive immagini dal basso dei passi di taranta, dimostrano l'estro e il talento dell'autore che conferma molti dei protagonisti-attori de "U Pirozzu, che diventano delle vere e proprie macchiette. Non vedo già l'ora di vedere la terza parte il prossimo anno...
Da museo il terzo video classificato girato e montato da due giovani, Antonio Dimasi e Felice Guarneri, con lo zampino dei reperti "storici" fotografici dell'archivio dell'associazione "Roccella com'era". "Fra i ricordi di un passato" è la storia di due bambini che, attraverso stupende immagini del passato di Roccella Jonica che sembrano animarsi grazie agli effetti speciali degli autori, raccontano la vita di 50 anni fa del loro paese e alla fine, oggi, si chiedono... "Chissà come sarà fra 50 anni?" Bellissima colonna sonora e un invito a tutti di guardarlo, agli adulti per fargli rivivere meravigliose emozioni e ricordi e ai giovani per fargli scoprire la semplicità insieme al sorriso genuino che c'era una volta. Da pelle d'oca...
E adesso non ci resta che... ammirarli.

1° classificato Roccella on youtube "A SCIRUBETTA" di Francesco Cappelleri.

2° classificato Roccella on youtube "U TARANTOZZU" di Alessandro Neumann

3° classificato "FRA I RICORDI DI UN PASSATO" di Antonio Dimasi e felice Guarneri

Manifesto di ringraziamento di "Roccella prima di tutto"

A tre settimane dalle elezioni finite, la lista vincente ha affisso il manifesto di ringraziamento agli elettori. Fra i tanti bla bla bla non poteva mancare il concetto stonato:
"Si è trattato anche di una vittoria che ha confermato la grande maturità dell'elettorato di Roccella che ha deciso di premiare la lista che si presentava come la più capace ad amministrare il paese".
In un solo concetto si sono sparate due "caglie":
1) Il definire maturo il 40% che ha votato Zito mi sembra offensivo nei confronti del 60% che non lo ha votato. Io e sicuramente gli altri 59 su cento non crediamo affatto di essere immaturi, anzi orgogliosamente ci sentiamo coraggiosi e ambiziosi di volere una Roccella diversa da questi ultimi dieci anni!!!
2) E' patetico e sconcertante assistere a cosi tanta vanità e banalità (Mi vantu e vantu eu quantu bellu sugnu eu!!!). Questa gente mi sa che la semplicità e la modestia non sa dove sta di casa!!! Chiunque altro sia stato, per un principio di correttezza e di fiducia avrebbe scritto: "La lista vincente ringrazia l'elettorato e promette di farsi garante e lavorare a favore di tutti i cittadini roccellesi, indistintamente da chi ha votato questa lista e chi no..."
Comunque cara lista "Roccella prima di tutto" anch'io per tutta la campagna elettorale vi ho promosso...
Nell'andare in giro per Roccella non facevo altro che cantare la canzone: "Senatore siamo con te... Me no male che Siso c'è!!!"
Provate anche voi a farlo, mettendo al posto di presidente - senatore e al posto di Silvio - Siso... calza a pennello!!!
Spero possa essere il mio augurio di buon lavoro a "Roccella prima di tutto"!!!