Chi volesse inviarmi notizie, messaggi, comunicazioni di manifestazioni ed eventi da pubblicare sul blog può farlo attraverso la mail niko.25@hotmail.it



AIUTATECI A TROVARE NATALINA PAPANDREA

AIUTATECI A TROVARE NATALINA PAPANDREA

venerdì 30 marzo 2018

TUTTE LE CRITICHE E LE PROPOSTE DEI CONSIGLIERI DI "ROCCELLA BENE COMUNE" AL PIANO FINANZIARIO DELLA TASSA RIFIUTI

Pubblichiamo l'integrale e deciso intervento dei consiglieri Chiara Melcore e Vanessa Riitano del coordinamento "Roccella bene Comune" esposto il 27 Marzo scorso nella discussione in Consiglio Comunale del piano finanziario e delle aliquote della TA.RI. 2018. 

Buonasera Presidente, Sindaco, Segretario  e colleghi consiglieri. 

Intanto notiamo, come al solito, che in un consiglio di tale importanza non si sia sentita la necessità di convocare una commissione chiarificatrice di tutta la questione e che come al solito gli ultimi atti fondamentali ci siano pervenuti stamattina. 
 
Comunque studiando gli atti ed in particolare il piano finanziario Tari 2018 e confrontandolo con quello del 2017, abbiamo notato delle grandi somiglianze tra loro per ciò che concerne gli intenti e soprattutto per il fatto che tali intenti non trovino poi corrispondenza con la realtà. 

Tali contraddizioni hanno spinto in tutto questo anno noi della minoranza a fare una lunga serie di interrogazioni consiliari, anche grazie alle tante segnalazioni dei cittadini che puntualmente ci hanno portato a conoscenza o sottolineato ulteriormente, determinate criticità ambientali e igienico sanitarie, oltre che naturalmente criticità legate alla raccolta differenziata. 

Le risposte ottenute, quasi sempre tardive e sommarie, ci hanno confermato una forte difficoltà dell'amministrazione a gestire adeguatamente tutta la problematica ambientale. 

Nel dettaglio vorremmo portare alla memoria dell'amministrazione alcune delle interrogazioni fatte da noi sulla materia e cioè quelle del:
-13 ottobre 2017, segnalazione con richiesta intervento
-24 ottobre 2017, interrogazione
-20 febbraio 2018, interrogazione
-23 febbraio 2018, lettera del condominio Frangipane
-27 febbraio 2018, lettera aperta della minoranza al Sindaco
-21 marzo 2018, segnalazione di emergenza igienico sanitaria del torrente zirgone.

Ebbene in tutte queste interrogazioni e segnalazioni emergono una serie di criticità e fra tutte le più allarmanti sono: 
-la pulizia degli alvei, 
-la disinfestazione e derattizzazione del territorio, 
-l'incuria e la sporcizia del paese, 
-la mancata raccolta dell'indifferenziato per due settimane consecutive avvenuta circa un mese fa, 
-il sistema di controlli e sanzioni sommarie e a tappeto con il quale avete gettato nel caos tutto il paese, decidendo di punto in bianco di correre ai ripari rispetto alla situazione emergenziale della raccolta differenziata, senza però un'adeguata informazione e sensibilizzazione della cittadinanza e senza la pubblicazione di una nuova brochure ufficiale che integrasse e sostituisse quella di sette anni fa. 

Relativamente alla pulizia degli alvei, voi dichiarate nelle risposte alle interrogazioni del 24 ottobre 2017 e del 21 marzo 2018 che non vi competa, ma che sia di competenza della città metropolitana; tuttavia vi contraddite clamorosamente quando nel piano finanziario Tari 2017 ed in quello del 2018 affermate che invece questo sia un servizio da voi espletato sul territorio.

Stessa cosa dicasi per la disinfestazione e derattizzazione, che però nella risposta all'interrogazione dite sia un'azione che dipende dalla programmazione ASP. Sull'incuria e sporcizia ormai conclamata del paese, con tanto di foto e continue segnalazioni, nel piano Tari dite che vi competa, ma poi assistiamo a zone del paese che somigliano più alla giungla che a strade. 

Infine per quanto riguarda il caos indifferenziata, basterebbe nominare tutte le interrogazioni che vi abbiamo fatto, oltre a un recente servizio di Telemia dal quale si evince che c'è effettivamente qualcosa che non va e che non è andato nel sistema di differenziazione dei rifiuti da parte dei cittadini, cosa confermata dalle classifiche Arpacal degli ultimi anni e avvalorata dalla serie infinita di avvisi di raccolta non conforme e minacce di sanzioni che avete fatto apporre in tutto il paese dagli operatori. 

Analizzando ulteriormente i due piani Tari notiamo che non mancate di proporVi di fare: informazione, formazione sulle buone pratiche ambientali, campagne di comunicazione, coinvolgimento dei cittadini con atti concreti quale distribuzione di brochure informativa, assemblee pubbliche e incontri con le scuole, lettera del sindaco a tutte le famiglie, condivisione di metodi e obiettivi con la cittadinanza. 

Ci chiediamo: quale di questi buoni propositi ha trovato attuazione visto che poi è successo tutto quello che abbiamo appena esposto sopra? 

E poi cosa ne è stato di tutte le vostre proposte, cioè dei mercatini domestici, degli erogatori dell'acqua potabile lungo le strade comunali, della manifestazione "ri...giocando", della promozione e la sensibilizzazione alla riduzione dei rifiuti, della convenzione con ristoranti e negozi di generi alimentari per evitare lo spreco di cibo a breve scadenza? 

E cosa ne è stato della proposta di fornire il territorio comunale dei cestini per la raccolta differenziata? 
Per quale motivo avete preferito acquistare cestini in ghisa (per la modica cifra di 500 euro ciascuno) dove si può buttare tutto, piuttosto che i cestini della raccolta differenziata? (Quando poi si pretende dalle utenze domestiche e non, di effettuare una perfetta differenziazione dei rifiuti, pena la mancata raccolta le sanzioni per i cittadini) 
Cosa avete fatto per mettere il cittadino nelle condizioni di differenziare di più e meglio? Quali incentivi, quali premialità?
Nessuna! 
 
Nonostante a suo tempo fossero stati acquistati dei software che avrebbero permesso, una volta implementati, di effettuare dei controlli oggettivi sulla qualità dei rifiuti differenziati dai cittadini e pertanto si sarebbe potuto mettere in campo tutto il sistema di premialità e sanzioni promesso sette anni fa.

Per ora noi notiamo una situazione ambientale igienico- sanitaria al collasso e per tutta risposta un'amministrazione che naviga a vista per tentare di porre riparo al continuo malcontento dei cittadini.
Analizzando poi il piano Tari del 2018 abbiamo notato che nominate in prima battuta un'isola ecologica aggiuntiva da ubicare nello spiazzo del depuratore (questa cosa ci suona molto strana visto che l'assessore Zito aveva risposto ad un'interrogazione di Chiara Melcore che questa cosa non era tecnicamente fattibile) per poi affermare nello stesso piano Tari del 2018 che è prevista una nuova isola ecologica.

Tutto ciò ci sembra quantomeno in contraddizione e vi chiediamo di illuminarci. Soprattutto in virtù del fatto che l'anno scorso ci sfidavate (come se noi fossimo gli amministratori di questo paese) a trovare i soldi e il luogo per la nuova isola ecologica, viste le nostre continue sollecitazioni a predisporre un altro luogo a tal fine, a causa delle incessanti lamentele dei cittadini che abitano nei pressi della stessa, e che si trovano a dover combattere tutto l'anno con odori molesti.

Vorremmo capire chi gestisce e dove si trova il centro di raccolta delle pile e degli oli esausti all'interno del porto. 
Vorremmo capire come mai si parla di leasing e nolo a lungo termine in merito al parco macchine: i mezzi che abbiamo sono già rotti dopo questo breve lasso di tempo?

Andando poi ad analizzare nel tecnico i costi del servizio, che determineranno le aliquote notiamo: € 90.000 di costi del personale inseriti nei costi operativi di gestione (dichiarati come percentuale non superiore al 50% dell'intero costo del personale addetto alla raccolta), per poi trovarci sempre alla voce costi del personale  20.000 euro facenti parte dei costi comuni, € 135.000 come costi generali gestione e € 51.000 relativi al servizio di lavoro interinale. 
Avremmo avuto piacere ad avere uno schema esaustivo di tutto il personale  impiegato nel ciclo di raccolta e  spazzamento, per capire come è stata effettuata la ripartizione dei costi ad esso relativi.
 
Questo perché secondo l'articolo 2423 del codice civile il costo deve essere finalizzato oggettivamente alla gestione del servizio di igiene urbana e non ad altri scopi, quindi il costo del personale deve essere quello relativo al personale effettivamente adibito al servizio di raccolta, ma senza una nota specifica sul personale effettivamente impiegato non ci è possibile alcuna osservazione oggettiva.

Poi al paragrafo 4.6 troviamo scritto che non essendoci dei criteri oggettivi nella determinazione della produzione dei rifiuti, si utilizzeranno dei criteri "presuntivi" razionali; ci chiediamo cosa impedisce l'adozione di criteri "oggettivi" razionali che possano computare e misurare puntualmente per tutte le utenze, il quantitativo di rifiuti prodotti in modo da ottenere un calcolo della tariffa il più corretto possibile.
 
Ci chiediamo quale sia il vantaggio di dover pagare ogni anno 40.000 € di costo di compattamento dei rifiuti, quando il Comune potrebbe acquistare una terna nuova e non pagare più di 25.000 €, ammortizzando tale costo negli anni e adibendo un operatore già assunto nella pianta stabile del Comune per lo stesso servizio che attualmente viene pagato ad un privato. 
 
Ci chiediamo per quale motivo si debbano pagare 120.000 € all'anno di manutenzione e noleggi, quale sia il materiale di consumo che costa 24.000 € l'anno e quali siano le spese varie che ci costano 12.000 € all'anno.
 
Ma la vera domanda che ci siamo posti è per quale motivo esiste una voce oneri diversi pari a 52.000 €, ascrivibile al fondo crediti di dubbia esigibilità pari al 5% del ruolo dell'anno precedente: non dovrebbe esserci nel bilancio una voce identica che tiene conto dei crediti di dubbia esigibilità? Per quale motivo ci ritroviamo la stessa voce anche nel piano finanziario Tari? 
 
E poi alla voce costi di uso del capitale, quali sono i nuovi investimenti per i quali esiste un ammortamento di 82.000 €? 

Tra gli obiettivi di riduzione della produzione di rifiuti solidi urbani all'inizio della relazione troviamo menzione di un progetto di miglioramento della raccolta differenziata finanziato dalla regione Calabria: vorremmo capire e avere delle delucidazioni in merito a come questo progetto è strutturato, cosa prevede, se il finanziamento è a fondo perduto o se  cofinanziato dal comune e in quest'ultima ipotesi in che misura.

Andando poi all'analisi delle aliquote, confrontando le aliquote del 2017 con quelle del 2018 non ci venite a parlare di diminuzioni perché a fronte di una piccola diminuzione della parte fissa sia per le utenze domestiche che per quelle non domestiche, c'è poi un aumento sostanziale della parte variabile della stessa. Cosa Che nella sostanza genera un totale superiore a quello dell'anno scorso.

Alla luce di tutto questo ci sentiamo di sottoporvi nuovamente all'attenzione tutte quelle proposte che abbiamo fatto durante quest'anno in merito alla questione raccolta differenziata e ambiente:
-è opportuno effettuare una periodica derattizzazione e disinfestazione del territorio, anche rivolgendosi, extrema ratio, a ditte specializzate esterne;
-È necessario curare il verde pubblico(cosa per cui paghiamo la TASI) e pulire l'alveo dei torrenti periodicamente e soprattutto in vista delle piogge autunnali;
(Qualora il Comune dovesse riscontrare delle difficoltà nel reperire personale adibito a ciò, si potrebbe pensare a una pulizia a rotazione che copra in maniera efficiente tutte le zone del paese);
-fornire agli utenti sacchetti compostabili per raccolta dell'umido, sacchetti trasparenti per la raccolta della plastica, sacchetti di carta riciclata per la raccolta della carta (qualora il Comune non fosse in grado di garantire la fornitura di tali sacchetti, dovrebbe permettere all'utente che li acquista di detrarre la spesa dal pagamento della tassa);
-implementare un serio servizio di controllo e monitoraggio della qualità della differenziazione dei rifiuti da parte degli utenti, con l'ausilio del software e dei dispositivi di controllo acquistati a suo tempo e per i quali i mastelli distribuiti avevano avuto etichettatura con tanto di codice a barre;
-attivare le tanto decantate premialità per chi differenzia più e meglio, ma soprattutto per chi dimostra di essere virtuoso non producendo o producendo pochissimo indifferenziato, obiettivo fondamentale di ogni politica ambientale.
-distribuire nuove brochure on-line e cartacee;
-effettuare le campagne di informazione, formazione, sensibilizzazione alla cittadinanza e soprattutto alle scuole, dotandole dei mastelli della differenziata;
-gestire i rifiuti lungo il paese con gli appositi mastelli della differenziata;
-rendere effettiva e operativa la possibilità del compostaggio comunale.

Ci auguriamo che tutte queste proposte che senza dubbio risultano utili e fattibili per il nostro paese trovino attuazione nell'immediato, per garantire gli standard di eccellenza che il nostro paese merita, senza aspettare l'appuntamento elettorale del 2019.

Nessun commento:

Posta un commento

DUE STRAORDINARI SCATTI DI ANGELO LAGANA'

Un Lungomare così, a Reggio, non si vedeva da tanti tanti anni. Le Frecce Tricolori hanno richiamato in città decine di migliaia di persone da tutte le province calabresi e da gran parte della Sicilia. La via Marina, completamente chiusa al traffico in occasione della seconda “domenica sostenibile”, s’è gremita di circa 100.000 persone che nel pomeriggio hanno assistito incantate allo spettacolo dell’Air Show “Scilla & Cariddi” con l’esibizione delle celebri Frecce Tricolore.

.

.
.

.

.

VINCENZO MILANO CI REGALA L'ECLISSI SOLARE VISTA DAL CASTELLO

.

Oggi 20 marzo, nonostante le nuvole, abbiamo potuto assistere, dalle nove e mezza fino alle undici, all'eclissi di sole. Qui da noi il sole, "coperto" dall'ombra della luna, si è oscurato soltanto per il 41%. La prossima eclissi parziale avverrà nel 2026 mentre per avere un'altra eclissi solare totale dovremmo "attendere" fino al 2081.
Questo straordinario evento è stato filmato dal videomaker Vincenzo Milano del Laboratorio DreamLab Studio di Roccella Jonica dalla postazione della Torre di Pizzofalcone. Un video, montato e musicato con grande sapienza, capace di trasmettere un brivido di emozione.

FESTIVAL JAZZ: DALLA GRANDE ILLUSIONE ALL'IMPIETOSA REALTA'

.

.
Il regalo di Natale del M°. Angelo Laganà

OLTRAGGIO ALLA CITTA'

OLTRAGGIO ALLA CITTA'
OLTRAGGIO ALLA CITTA'. Foto di Angelo Laganà
Bellissimo video su Roccella Jonica realizzato e concesso da Roberto Naldi - operatore di ripresa per la RAI - di Empire 2000.

Fantasia e tanto divertimento per questo video davvero simpatico. Complimenti agli autori!

Fantasia e tanto divertimento per questo bel video sulla differenziata davvero molto simpatico. Complimenti agli autori
L'importante è che gli artisti del Jazz (con tutto il rispetto per gli artisti del Jazz) dormano nell'hotel a 5 stelle!!!

DOPO LA SOPPRESSIONE DEI TRENI CHE DALLA FASCIA IONICA DELLA CALABRIA PARTONO ED ARRIVANO DA TORINO E MILANO, TRENITALIA ED RFI HANNO DECISO DI SOPPRIMERE DAL PROSSIMO MESE DI DICEMBRE IL TRENO PER ROMA CREANDO COSI' UN ENORME DISAGIO PER TUTTI I VIAGGIATORI CHE DALLE GRANDI CITTA' SONO DIRETTI NELLE NOSTRA AMATA TERRA.



NESSUN POLITICO SI STA MUOVENDO, NESSUNA ISTITUZIONE STA CERCANDO DI TROVARE UNA SOLUZIONE.



TUTTO CIO' PROCURERA' NON SOLO UN PROBLEMA LOGISTICO PER LE MIGLIAIA DI PERSONE CHE CAUSA FORZA MAGGIORE VIVONO, STUDIANO O LAVORANO AL NORD ED AVRANNO MOLTE DIFFICOLTA' NEL RITORNARE A CASA, MA QUESTO PROVOCHERA' ANCHE UN INEVITABILE CALO NEL SETTORE DEL TURISMO, UNICO SOSTENTAMENTO NELLE ZONE DIMENTICATE DA POLITICA E POLITICANTI.



UN NETTO CALO DI TURISTI SI ERA GIA' AVVERTITO NEGLI SCORSI ANNI ANCHE E SOPRATTUTTO A CAUSA DELLE DIFFICOLTA' NEI TRASPORTI, MA ORA QUESTA DECISIONE CHE RITENIAMO ASSURDA E SENZA SENSO, AVRA' DEI RISVOLTI DISASTROSI PER TUTTI I PAESI CHE VANNO DA CATANZARO A REGGIO.



SE POLITICI COMPIACENTI NON HANNO INTENZIONE DI TROVARE UNA SOLUZIONE QUESTA VOLTA SONO SICURO CHE LA SPINTA DEBBA PARTIRE DAL BASSO E DA CHI VIVE ED AMA LA NOSTRA TERRA.



INSIEME POSSIAMO!



http://www.facebook.com/home.php?sk=group_168290399868580

ECCO PERCHE' POCO PIU' DI UN ANNO FA PESTAVA I PUGNI SUL TAVOLO DEL CONVENTO DEI MINIMI

ECCO PERCHE' POCO PIU' DI UN ANNO FA PESTAVA I PUGNI SUL TAVOLO DEL CONVENTO DEI MINIMI
Quale sindaco mai oltre a lui stesso o a chi per lui avrebbe consentito una liquidazione cosi rapida a suo favore? Un ulteriore una tantum prelevato da un fondo "segreto e nascosto". Cari elettori meditate...Dedicato a tutte quelle associazioni che partecipano alle riunioni con l'amministrazione la quale puntualmente ricorda pressappoco cosi: "Non chiedete soldi perchè non ce ne sono!"

UN FACCIA A FACCIA CON IL SINDACO CERTOMA' DAI TONI ACUTI!

Due ore e un quarto di "scontro" verbale e dialettico senza esclusione e risparmio di colpi e di energie, l'incontro con il prof. Certomà è finito in una inevitabile bagarre, visto che di fronte c'era una persona (il sindaco di Roccella Jonica, completamente cambiato rispetto a 10 anni fa) che nega l'evidenza e lo stato reale delle cose, che ha cercato anche con paroli forti e becere (offendendo facendo l'offeso) di mettermi in difficoltà, ma che in difficoltà è caduto lui visto che non ha saputo rispondere a nulla "perchè io rispondo solo dei fatti che si sono verificati in questi 6 mesi che sono sindaco della città!!!"
E' una assoluta vergogna essere governati da persone non consapevoli che il commercio roccellese è allo sbando, gente che è convinta che il turismo in queste ultimi 15 anni è aumentato a dismisura e cieche davanti a tutte le opere abbandonate (bretella alla SS106, parco collina e parco giochi di via Zirgone, caserma e spogliatoi e parcheggi del porto, ospitaletto, mercato coperto, mercato ittico, area fitness, hotel Ariston, e ultima la piazzetta di via Aldo Moro!)
Io mi auguro di vero cuore che i roccellesi iniziano ad aprire gli occhi perchè, oggi più che mai, mi rendo conto di quanto l'amministrazione comunale e la cittadinanza è succube di Sisinio Zito ma, purtroppo, finchè ci sarà lui a manovrare i fili con l'unico intento di portare più risorse possibili alla sua associazione del festival jazz, Roccella non avrà speranza!!!
E pensare che sarebbe bastato che il Governo Prodi avesse varato la strabenedetta legge sul conflitto d'interesse a far si che il "nostro" senatore" si ritirasse dalla scena da solo!!!

16 ottobre 2005-16 ottobre 2009:4 anni dall'omicidio Fortugno."U cumpari du cumpari e to' cumpari!"

I VINCITORI DI ROCCELLA ON YOUTUBE

Tre straordinari video sono saliti sul podio in questa 2° edizione del Concorso curato da Mariagrazia Curciarello. Tre video, diversi fra loro, che li accomuna solo la volontà di valorizzare al massimo le risorse naturalistiche di Roccella Jonica, obiettivo riuscito appieno grazie alle idee che hanno sbizzarrito la fantasia degli autori, ma anche del montaggio del video, agli "attori" e agli ambienti.
Meritato primo posto per l'invenzione "Scirobetta" dal nome dei due cortiggiani del re Carafa che nel caldo estivo roccellese ha trovato rinfresco solo con questa speciale bibita a base dei nostri limoni... Simpaticissimi e bravissimi davvero tutti i ragazzini-attori che hanno recitato nel video. Con questo video credo che si mostra per la prima volta l'interno del nostro castello in via di restauro in rete. 10 e lode a Francesco Cappelleri, complimenti vivissimi.
Solo un'idea cosi innovativa poteva battere il vincitore dello scorso anno. Alessandro Neumann, dopo il simpaticissimo "U Pirozzu" con cui ha trionfato nella prima edizione, ha girato il secondo atto che si chiama "U tarantozzu" ed è ancora una volta uno strepitoso successo. Le suggestive immagini dal basso dei passi di taranta, dimostrano l'estro e il talento dell'autore che conferma molti dei protagonisti-attori de "U Pirozzu, che diventano delle vere e proprie macchiette. Non vedo già l'ora di vedere la terza parte il prossimo anno...
Da museo il terzo video classificato girato e montato da due giovani, Antonio Dimasi e Felice Guarneri, con lo zampino dei reperti "storici" fotografici dell'archivio dell'associazione "Roccella com'era". "Fra i ricordi di un passato" è la storia di due bambini che, attraverso stupende immagini del passato di Roccella Jonica che sembrano animarsi grazie agli effetti speciali degli autori, raccontano la vita di 50 anni fa del loro paese e alla fine, oggi, si chiedono... "Chissà come sarà fra 50 anni?" Bellissima colonna sonora e un invito a tutti di guardarlo, agli adulti per fargli rivivere meravigliose emozioni e ricordi e ai giovani per fargli scoprire la semplicità insieme al sorriso genuino che c'era una volta. Da pelle d'oca...
E adesso non ci resta che... ammirarli.

1° classificato Roccella on youtube "A SCIRUBETTA" di Francesco Cappelleri.

2° classificato Roccella on youtube "U TARANTOZZU" di Alessandro Neumann

3° classificato "FRA I RICORDI DI UN PASSATO" di Antonio Dimasi e felice Guarneri

Manifesto di ringraziamento di "Roccella prima di tutto"

A tre settimane dalle elezioni finite, la lista vincente ha affisso il manifesto di ringraziamento agli elettori. Fra i tanti bla bla bla non poteva mancare il concetto stonato:
"Si è trattato anche di una vittoria che ha confermato la grande maturità dell'elettorato di Roccella che ha deciso di premiare la lista che si presentava come la più capace ad amministrare il paese".
In un solo concetto si sono sparate due "caglie":
1) Il definire maturo il 40% che ha votato Zito mi sembra offensivo nei confronti del 60% che non lo ha votato. Io e sicuramente gli altri 59 su cento non crediamo affatto di essere immaturi, anzi orgogliosamente ci sentiamo coraggiosi e ambiziosi di volere una Roccella diversa da questi ultimi dieci anni!!!
2) E' patetico e sconcertante assistere a cosi tanta vanità e banalità (Mi vantu e vantu eu quantu bellu sugnu eu!!!). Questa gente mi sa che la semplicità e la modestia non sa dove sta di casa!!! Chiunque altro sia stato, per un principio di correttezza e di fiducia avrebbe scritto: "La lista vincente ringrazia l'elettorato e promette di farsi garante e lavorare a favore di tutti i cittadini roccellesi, indistintamente da chi ha votato questa lista e chi no..."
Comunque cara lista "Roccella prima di tutto" anch'io per tutta la campagna elettorale vi ho promosso...
Nell'andare in giro per Roccella non facevo altro che cantare la canzone: "Senatore siamo con te... Me no male che Siso c'è!!!"
Provate anche voi a farlo, mettendo al posto di presidente - senatore e al posto di Silvio - Siso... calza a pennello!!!
Spero possa essere il mio augurio di buon lavoro a "Roccella prima di tutto"!!!