Chi volesse inviarmi notizie, messaggi, comunicazioni di manifestazioni ed eventi da pubblicare sul blog può farlo attraverso la mail niko.25@hotmail.it



AIUTATECI A TROVARE NATALINA PAPANDREA

AIUTATECI A TROVARE NATALINA PAPANDREA

martedì 20 marzo 2018

INTERVISTA ESCLUSIVA A PIPPO CAFFO

Roccella-Vibonese

Intervista esclusiva a Pippo Caffo, presidente della squadra rossoblu e proprietario della distilleria F.lli Caffo, famosa per “Il Vecchio Amaro del Capo “ e non solo.
 
di ANGELO LAGANA'. 

Il presidente della Vibonese, Pippo Caffo


A volte, le partite di calcio sono strane, imprevedibili, è difficile azzardare un pronostico perché possono verificarsi eventi o cose strane, come, appunto è successo in Roccella-Vibonese e fatti che ne determinano il cambiamento repentino dell’evolversi della gara.

Non a caso, per una “maledetta” uscita del portiere roccellese che ha mandato al tappeto il suo avversario proteso ad arrivare in porta, l’arbitro ha decretato l’espulsione e, da quel momento, per la squadra del Castello, la partita si è presentata in salita.

Foto di gruppo della squadra della Vibonese presso l'Hotel Kennedy.


La Vibonese è una compagine ben assortita in tutti i reparti se, poi, metti sul piatto della bilancia la possibilità di giocare contro l’avversario che ha un uomo in meno, allora i giochi sono fatti ed è, per questo motivo, che il risultato è stato molto largo per la squadra del presidente Pippo Caffo.  
A fine gara l’ho intervistato per conoscere il suo parere.

Traversa della Vibonese


Presidente, dai suoi occhi traspare la contentezza per il risultato che ha guadagnato sul campo la sua squadra. Una vittoria meritatissima, ma facilitata dall’espulsione del portiere del Roccella….

E’ vero, ma è altrettanto vero che la mia squadra, fino a quel momento, era presente su ogni azione.  Un mio giocatore ha colpito la traversa. In più, ha commesso qualche errore di troppo per aver sbagliato qualche gol facile, non riuscendo a mettere il pallone dentro.  Da quell’espulsione, il Roccella ha avuto la strada in salita con il portiere che è uno dei punti di forza della squadra di casa perché ha una grande esperienza e lo conosco, soprattutto, per i suoi trascorsi. Il risultato è quello che al momento ci soddisfa, perché siamo primi in classifica e siamo contenti al massimo.”



La Vibonese sta andando a gonfie vele non solo per la tenacia del suo presidente ma anche
grazie alla ben nota esperienza dell’allenatore Orlandi che ha saputo ben amalgamare il gruppo fino a farlo diventare una squadra temibile.

“ In effetti, all’inizio eravamo titubanti perché avevamo allestito una squadra che doveva militare in serie C e, di conseguenza, eravamo senza i giovani under del ’98 e del ’99 che, strada facendo, abbiamo inserito in organico ed hanno dimostrato in campo la loro bravura, non solo in occasione di questa gara, ma in ogni domenica. Il nostro è il campionato più lungo e ci vantiamo di essere, dopo 23 partite, la squadra che non ha subito sconfitte. Abbiamo una difesa che si fa rispettare, ma lo stesso discorso vale per il reparto offensivo. Mancano 7 gare alla fine del campionato e il 5 maggio avremo modo di fare il bilancio”. Su questo campionato che la Vibonese sta disputando alla grande non fa una piega". 

Lo sfortunato fallo da espulsione del portiere del Roccella, Tommaso Scuffia.


Invece per quanto riguarda l’atra annosa questione relativa al fatto che la sua squadra sia stata immeritatamente estromessa con l’impossibilità di disputare il campionato di serie C in questo torneo?

“Per quanto riguarda – dichiara il presidente della Vibonese – quella questione in campo giudiziario sia sportivo che civile, siamo sulla buona strada. Il TAR, quindici giorni fa, ci ha dato ampiamente ragione, però ha chiesto ulteriore tempo per poter definire la pratica che si dovrebbe decidere il 4 aprile perché è stata rinviata per la presenza della neve nella Capitale. Speriamo di vincere anche su quei fronti per questo motivo, il prossimo anno, il campionato di serie C dovrebbe essere appannaggio della Vibonese”.

La seconda rete della VIbonese.


La squadra viaggia come la Ferrari, ma anche la distilleria dei Fratelli Caffo va nella stessa direzione se intendo far riferimento al “Vecchio Amaro del Capo”.

“Credo che non sia il caso, in questo contesto di parlare di lavoro, comunque è verità che il nostro Amaro è il più amato dagli italiani e non solo perché e conosciuto anche nel resto del mondo. E ‘ un onore per la mia famiglia che l’ha saputo portare avanti, ma credo sia un orgoglio anche della comunità calabrese perché è il prodotto che fa parlare bene di tutta la nostra Regione”.



Non va trascurato anche un altro liquore, cui la distilleria sta dando una buona spinta verso
Il successo.
“Si’ – ammette il presidente della Vibonese - è l’elisir Borsci che è molto usato sia in pasticceria che in gelateria.  E’ un prodotto che abbiamo preso dalle “ceneri”, lo stiamo facendo risorgere e i risultati ci stanno dando ragione. Il nostro obiettivo è quello di portare avanti, oltre la Calabria, anche un pezzo di Puglia”.



Un suo breve giudizio sul tecnico Orlandi, un uomo di poche parole e molti fatti?
“E’ un tecnico di poche parole, molto vicino ai ragazzi durante tutto l’arco della settimana, è capace di infondere loro molto coraggio e il pallone lo “mastica” da sempre senza fare proclami a destra e a manca. Con il lavoro serio, ci sta dando una grossa mano ed è elemento indispensabile alla nostra causa”.

L'allenatore della Viobonese, Orlandi


E’ la volta di Orlandi, allenatore che si è seduto anche sulla panchina della Reggina nella massima serie.

“Si – ammette il tecnico Orlandi – diciamo che quell’espulsione ci ha facilitato il compito anche se prima avevamo preso una traversa e sfiorato il gol. Una squadra come il Roccella che si deve salvare, dal momento che perde un uomo, la gara diventa molto difficile da gestire, ma, in ogni caso, noi abbiamo dettato legge e proposto il nostro calcio”.



Dopo 23 gare, si viaggia con il vento in poppa…
“No, ancora è dura perché mancano sette partite e dobbiamo stare attenti alla Nocerina che, sulla carta, ha qualche gara più facile delle nostre, per cui bisogna stare attenti. Andiamo avanti, domenica dopo domenica, cercando di cogliere sempre il massimo. Alla fine, tireremo le somme”.
                                                                                                              
Angelo Laganà

Nessun commento:

Posta un commento

DUE STRAORDINARI SCATTI DI ANGELO LAGANA'

Un Lungomare così, a Reggio, non si vedeva da tanti tanti anni. Le Frecce Tricolori hanno richiamato in città decine di migliaia di persone da tutte le province calabresi e da gran parte della Sicilia. La via Marina, completamente chiusa al traffico in occasione della seconda “domenica sostenibile”, s’è gremita di circa 100.000 persone che nel pomeriggio hanno assistito incantate allo spettacolo dell’Air Show “Scilla & Cariddi” con l’esibizione delle celebri Frecce Tricolore.

.

.
.

.

.

VINCENZO MILANO CI REGALA L'ECLISSI SOLARE VISTA DAL CASTELLO

.

Oggi 20 marzo, nonostante le nuvole, abbiamo potuto assistere, dalle nove e mezza fino alle undici, all'eclissi di sole. Qui da noi il sole, "coperto" dall'ombra della luna, si è oscurato soltanto per il 41%. La prossima eclissi parziale avverrà nel 2026 mentre per avere un'altra eclissi solare totale dovremmo "attendere" fino al 2081.
Questo straordinario evento è stato filmato dal videomaker Vincenzo Milano del Laboratorio DreamLab Studio di Roccella Jonica dalla postazione della Torre di Pizzofalcone. Un video, montato e musicato con grande sapienza, capace di trasmettere un brivido di emozione.

FESTIVAL JAZZ: DALLA GRANDE ILLUSIONE ALL'IMPIETOSA REALTA'

.

.
Il regalo di Natale del M°. Angelo Laganà

OLTRAGGIO ALLA CITTA'

OLTRAGGIO ALLA CITTA'
OLTRAGGIO ALLA CITTA'. Foto di Angelo Laganà
Bellissimo video su Roccella Jonica realizzato e concesso da Roberto Naldi - operatore di ripresa per la RAI - di Empire 2000.

Fantasia e tanto divertimento per questo video davvero simpatico. Complimenti agli autori!

Fantasia e tanto divertimento per questo bel video sulla differenziata davvero molto simpatico. Complimenti agli autori
L'importante è che gli artisti del Jazz (con tutto il rispetto per gli artisti del Jazz) dormano nell'hotel a 5 stelle!!!

DOPO LA SOPPRESSIONE DEI TRENI CHE DALLA FASCIA IONICA DELLA CALABRIA PARTONO ED ARRIVANO DA TORINO E MILANO, TRENITALIA ED RFI HANNO DECISO DI SOPPRIMERE DAL PROSSIMO MESE DI DICEMBRE IL TRENO PER ROMA CREANDO COSI' UN ENORME DISAGIO PER TUTTI I VIAGGIATORI CHE DALLE GRANDI CITTA' SONO DIRETTI NELLE NOSTRA AMATA TERRA.



NESSUN POLITICO SI STA MUOVENDO, NESSUNA ISTITUZIONE STA CERCANDO DI TROVARE UNA SOLUZIONE.



TUTTO CIO' PROCURERA' NON SOLO UN PROBLEMA LOGISTICO PER LE MIGLIAIA DI PERSONE CHE CAUSA FORZA MAGGIORE VIVONO, STUDIANO O LAVORANO AL NORD ED AVRANNO MOLTE DIFFICOLTA' NEL RITORNARE A CASA, MA QUESTO PROVOCHERA' ANCHE UN INEVITABILE CALO NEL SETTORE DEL TURISMO, UNICO SOSTENTAMENTO NELLE ZONE DIMENTICATE DA POLITICA E POLITICANTI.



UN NETTO CALO DI TURISTI SI ERA GIA' AVVERTITO NEGLI SCORSI ANNI ANCHE E SOPRATTUTTO A CAUSA DELLE DIFFICOLTA' NEI TRASPORTI, MA ORA QUESTA DECISIONE CHE RITENIAMO ASSURDA E SENZA SENSO, AVRA' DEI RISVOLTI DISASTROSI PER TUTTI I PAESI CHE VANNO DA CATANZARO A REGGIO.



SE POLITICI COMPIACENTI NON HANNO INTENZIONE DI TROVARE UNA SOLUZIONE QUESTA VOLTA SONO SICURO CHE LA SPINTA DEBBA PARTIRE DAL BASSO E DA CHI VIVE ED AMA LA NOSTRA TERRA.



INSIEME POSSIAMO!



http://www.facebook.com/home.php?sk=group_168290399868580

ECCO PERCHE' POCO PIU' DI UN ANNO FA PESTAVA I PUGNI SUL TAVOLO DEL CONVENTO DEI MINIMI

ECCO PERCHE' POCO PIU' DI UN ANNO FA PESTAVA I PUGNI SUL TAVOLO DEL CONVENTO DEI MINIMI
Quale sindaco mai oltre a lui stesso o a chi per lui avrebbe consentito una liquidazione cosi rapida a suo favore? Un ulteriore una tantum prelevato da un fondo "segreto e nascosto". Cari elettori meditate...Dedicato a tutte quelle associazioni che partecipano alle riunioni con l'amministrazione la quale puntualmente ricorda pressappoco cosi: "Non chiedete soldi perchè non ce ne sono!"

UN FACCIA A FACCIA CON IL SINDACO CERTOMA' DAI TONI ACUTI!

Due ore e un quarto di "scontro" verbale e dialettico senza esclusione e risparmio di colpi e di energie, l'incontro con il prof. Certomà è finito in una inevitabile bagarre, visto che di fronte c'era una persona (il sindaco di Roccella Jonica, completamente cambiato rispetto a 10 anni fa) che nega l'evidenza e lo stato reale delle cose, che ha cercato anche con paroli forti e becere (offendendo facendo l'offeso) di mettermi in difficoltà, ma che in difficoltà è caduto lui visto che non ha saputo rispondere a nulla "perchè io rispondo solo dei fatti che si sono verificati in questi 6 mesi che sono sindaco della città!!!"
E' una assoluta vergogna essere governati da persone non consapevoli che il commercio roccellese è allo sbando, gente che è convinta che il turismo in queste ultimi 15 anni è aumentato a dismisura e cieche davanti a tutte le opere abbandonate (bretella alla SS106, parco collina e parco giochi di via Zirgone, caserma e spogliatoi e parcheggi del porto, ospitaletto, mercato coperto, mercato ittico, area fitness, hotel Ariston, e ultima la piazzetta di via Aldo Moro!)
Io mi auguro di vero cuore che i roccellesi iniziano ad aprire gli occhi perchè, oggi più che mai, mi rendo conto di quanto l'amministrazione comunale e la cittadinanza è succube di Sisinio Zito ma, purtroppo, finchè ci sarà lui a manovrare i fili con l'unico intento di portare più risorse possibili alla sua associazione del festival jazz, Roccella non avrà speranza!!!
E pensare che sarebbe bastato che il Governo Prodi avesse varato la strabenedetta legge sul conflitto d'interesse a far si che il "nostro" senatore" si ritirasse dalla scena da solo!!!

16 ottobre 2005-16 ottobre 2009:4 anni dall'omicidio Fortugno."U cumpari du cumpari e to' cumpari!"

I VINCITORI DI ROCCELLA ON YOUTUBE

Tre straordinari video sono saliti sul podio in questa 2° edizione del Concorso curato da Mariagrazia Curciarello. Tre video, diversi fra loro, che li accomuna solo la volontà di valorizzare al massimo le risorse naturalistiche di Roccella Jonica, obiettivo riuscito appieno grazie alle idee che hanno sbizzarrito la fantasia degli autori, ma anche del montaggio del video, agli "attori" e agli ambienti.
Meritato primo posto per l'invenzione "Scirobetta" dal nome dei due cortiggiani del re Carafa che nel caldo estivo roccellese ha trovato rinfresco solo con questa speciale bibita a base dei nostri limoni... Simpaticissimi e bravissimi davvero tutti i ragazzini-attori che hanno recitato nel video. Con questo video credo che si mostra per la prima volta l'interno del nostro castello in via di restauro in rete. 10 e lode a Francesco Cappelleri, complimenti vivissimi.
Solo un'idea cosi innovativa poteva battere il vincitore dello scorso anno. Alessandro Neumann, dopo il simpaticissimo "U Pirozzu" con cui ha trionfato nella prima edizione, ha girato il secondo atto che si chiama "U tarantozzu" ed è ancora una volta uno strepitoso successo. Le suggestive immagini dal basso dei passi di taranta, dimostrano l'estro e il talento dell'autore che conferma molti dei protagonisti-attori de "U Pirozzu, che diventano delle vere e proprie macchiette. Non vedo già l'ora di vedere la terza parte il prossimo anno...
Da museo il terzo video classificato girato e montato da due giovani, Antonio Dimasi e Felice Guarneri, con lo zampino dei reperti "storici" fotografici dell'archivio dell'associazione "Roccella com'era". "Fra i ricordi di un passato" è la storia di due bambini che, attraverso stupende immagini del passato di Roccella Jonica che sembrano animarsi grazie agli effetti speciali degli autori, raccontano la vita di 50 anni fa del loro paese e alla fine, oggi, si chiedono... "Chissà come sarà fra 50 anni?" Bellissima colonna sonora e un invito a tutti di guardarlo, agli adulti per fargli rivivere meravigliose emozioni e ricordi e ai giovani per fargli scoprire la semplicità insieme al sorriso genuino che c'era una volta. Da pelle d'oca...
E adesso non ci resta che... ammirarli.

1° classificato Roccella on youtube "A SCIRUBETTA" di Francesco Cappelleri.

2° classificato Roccella on youtube "U TARANTOZZU" di Alessandro Neumann

3° classificato "FRA I RICORDI DI UN PASSATO" di Antonio Dimasi e felice Guarneri

Manifesto di ringraziamento di "Roccella prima di tutto"

A tre settimane dalle elezioni finite, la lista vincente ha affisso il manifesto di ringraziamento agli elettori. Fra i tanti bla bla bla non poteva mancare il concetto stonato:
"Si è trattato anche di una vittoria che ha confermato la grande maturità dell'elettorato di Roccella che ha deciso di premiare la lista che si presentava come la più capace ad amministrare il paese".
In un solo concetto si sono sparate due "caglie":
1) Il definire maturo il 40% che ha votato Zito mi sembra offensivo nei confronti del 60% che non lo ha votato. Io e sicuramente gli altri 59 su cento non crediamo affatto di essere immaturi, anzi orgogliosamente ci sentiamo coraggiosi e ambiziosi di volere una Roccella diversa da questi ultimi dieci anni!!!
2) E' patetico e sconcertante assistere a cosi tanta vanità e banalità (Mi vantu e vantu eu quantu bellu sugnu eu!!!). Questa gente mi sa che la semplicità e la modestia non sa dove sta di casa!!! Chiunque altro sia stato, per un principio di correttezza e di fiducia avrebbe scritto: "La lista vincente ringrazia l'elettorato e promette di farsi garante e lavorare a favore di tutti i cittadini roccellesi, indistintamente da chi ha votato questa lista e chi no..."
Comunque cara lista "Roccella prima di tutto" anch'io per tutta la campagna elettorale vi ho promosso...
Nell'andare in giro per Roccella non facevo altro che cantare la canzone: "Senatore siamo con te... Me no male che Siso c'è!!!"
Provate anche voi a farlo, mettendo al posto di presidente - senatore e al posto di Silvio - Siso... calza a pennello!!!
Spero possa essere il mio augurio di buon lavoro a "Roccella prima di tutto"!!!