Chi volesse inviarmi notizie, messaggi, comunicazioni di manifestazioni ed eventi da pubblicare sul blog può farlo attraverso la mail niko.25@hotmail.it



AIUTATECI A TROVARE NATALINA PAPANDREA

AIUTATECI A TROVARE NATALINA PAPANDREA

domenica 18 novembre 2018

IL ROCCELLESE ROCCO BORZOMI' NELLA TOP TEN DEI MIGLIORI PIZZAIOLI D'ITALIA


Il roccellese Rocco Borzomì con la pizza appena sfornata
che gli ha consentito di classificarsi al settimo posto a livello
nazionale.
Una magnifica esperienza e uno straordinario risultato quello ottenuto per il giovane Rocco Borzomì al 5° campionato nazionale pizza doc tenutosi il 12 e 13 Novembre scorso a Nocera Inferiore (SA).

Un campionato che ha visto la partecipazione di oltre 300 concorrenti provenienti da ogni parte d'Italia ma anche dall'Australia, Francia, Inghilterra, Germania, Ucraina e USA, sfidarsi a colpi di farina, pala e forno. E più di 100 sono stati i maestri pizzaioli e chef che hanno fatto parte della giuria per valutare le oltre 1500 pizze sfornate in due giorni di gara; valutazione delle pizze con la cosiddetta "giuria nascosta" ossia con i giudici che hanno conosciuto i pizzaioli non prima di aver votato la loro pizza.
Il gran finale del Concorso tenutosi presso i forni del Centro di bonifica
del Sarno in Nocera Inferiore provincia di Salerno.

E il talentuoso Borzomì, che i roccellesi ben conoscono per gli apprezzamenti che gli riservano frequentando il suo ristorante - pizzeria "Speedy pizza" sito nel lungomare, ha dimostrato tutto il suo estro e convinto i giudici realizzando una pizza fantasiosa e squisitissima con ingredienti tipici del nostro territorio. 

La sua pizza "in concorso" denominata "Frutti di Calabria" era composta da una fragrante e leggerissima base,  condita con mozzarella fiordilatte, stocco di mammola, patate casarecce affettate, olive nere infornate e olio di bergamotto prodotto da "La Cascina", ed ha conquistato i giurati per la sua bontà, fantasia e l'ottima coniugazione degli ingredienti legati tra loro grazie all'esperienza e alla maestrìa del suo creatore.

"Aver conquistato il settimo posto a livello nazionale su oltre 300 partecipanti - ci confida Rocco Borzomì - è una grande soddisfazione per me e la mia famiglia, ma voglio anche pensare che sia un riconoscimento dato alla nostra Terra capace di produrre dei prodotti di eccellenza che meriterebbero una maggiore valorizzazione e essere più conosciute nel mondo".
La classifica finale che riporta i primi
venti classificati su oltre 300 partecipanti.

Rocco Borzomi, autodidatta, dopo alcuni anni di tirocinio in alcuni importanti locali della zona dove ha maturato la sua passione verso questo mestiere grazie agli insegnamenti di bravi maestri pizzaioli, ha aperto un locale tutto suo che da oltre dieci anni gestisce magistralmente con il contributo della sua infaticabile famiglia. 

E il suo "Speedy pizza" non ha l'esclusivo bisogno del maggior afflusso turistico estivo per ricevere gli apprezzamenti, ma riscuote quotidianamente la fiducia di tantissime persone innamorate ormai del suo stile, del suo entusiasmo e della sua voglia di rinnovarsi ogni giorno grazie alla continua ricerca di una sempre migliore qualità e genuinità dei suoi prodotti.

Convinti che questo meritato riconoscimento per Rocco è frutto della sua esperienza, del suo talento e dei tanti sacrifici che hanno consentito di raggiungere un livello di eccellenza alla sua attività, formuliamo il nostro più fervido augurio affinché possa ricevere sempre più alte soddisfazioni, ed essere d'esempio ai tanti giovani che quel che si fa con amore e passione misto a sacrificio e tenacia viene sempre ricambiato con il successo, anche in una terra bistrattata e depressa come la nostra che custodisce però menti dotate e prodotti di alta qualità, stimati e apprezzati ovunque e non inferiori a nessuno al mondo.

venerdì 16 novembre 2018

IL DOCUMENTO DEI SINDACATI DOPO LA GIORNATA DI PROTESTA DEGLI EX LPU E LSU

Oggi davanti alla Prefettura di Catanzaro hanno protestato oltre 1000 lavoratori ex lpu e lsu giunti da tutta la Calabria con oltre trenta autobus. Una folta rappresentanza dei 4500 lavoratori che il 31 dicembre vedranno scadere il loro contratto di lavoro e, ad oggi, non ci sono le coperture necessarie per il rinnovo. 

I lavoratori di Roccella Jonica sul pulman con destinazione Catanzaro.


Una delegazione di lavoratori insieme ai rappresentanti delle tre sigle sindacali sono stati ricevuti in Prefettura dove è stato consegnato un documento, inviato anche al Ministero del Lavoro, a quello della Pubblica amministrazione e al Consiglio regionale, per sollecitare la stabilizzazione di un bacino di lavoratori che, dopo vent'anni di precariato al servizio della collettività in ogni Comune, oggi vivono nella più totale incertezza del loro futuro.

Al termine della lunga giornata di protesta ecco il documento dato alla stampa dalla Triplice sindacale con la speranza che da Lunedi, da Roma, giungano buoni propositi e indirizzi nella direzione auspicata da lavoratori e sindacati.

Ecco il comunicato di CGIL, CISL e UIL:



La manifestazione odierna, organizzata da CGIL ,CISL, UIL con le rispettive federazioni regionali di categoria, NiDIL CGIL , CISL FP , FeLSA CISL e UILTemp@ , a sostegno della causa che punta alla stabilizzazione dei lavoratori ex LSU/LPU calabresi, svoltasi a Catanzaro attraverso un folto presidio davanti la Prefettura della medesima città capoluogo, ha fatto registrare per la prima volta nella storia di questa annosa vertenza la
completa adesione dell’ANCI regionale, rappresentata dal Vice Presidente regionale, Francesco Candia, e della Regione Calabria , rappresentata dall’Assessore Regionale al Lavoro e Politiche sociali Angela Robbe, alla piattaforma rivendicativa elaborata dalla triplice sindacale.

In particolare durante l’incontro avuto con S.E. Prefetto di Catanzaro, Francesca Ferrandino, dimostratasi
molto sensibile alla problematica, è stato ampiamente dimostrato come la necessaria stabilizzazione dei ex LSU/LPU risponda ormai al requisito della indispensabilità posto che gli stessi lavoratori garantiscono il buon funzionamento ed il buon andamento della macchina amministrativa locale.

In particolare CGIL CISL UIL ritengono che alla luce degli oramai 4 anni di effettiva contrattualizzazione a
tempo determinato dei lavoratori , non è più possibile ipotizzare alcun passo indietro. Urge al più presto
procedere all’assegnazione nella prossima legge di bilancio di maggiori risorse economiche, fino al
raggiungimento dei 50 milioni di euro indispensabili per il necessario processo di stabilizzazione dei
lavoratori. Accanto a ciò la previsione di giuste deroghe normative, che attualmente costituiscono un
ostacolo, atte a conseguire l’obiettivo dello svuotamento del bacino con la definitiva stabilizzazione di tutti
i lavoratori ad oggi contrattualizzati.

CGIL, CISL, UIL regionali stigmatizzano la mancata partecipazione all’odierno vertice prefettizio della
delegazione parlamentare che attualmente rappresenta la maggioranza di governo al quale , peraltro,
spetta il compito di dare seguito alle legittime istanze sindacali.

S.E. Prefetto di Catanzaro, Francesca Ferrandino, riconoscendo le indubbie ricadute sociali direttamente
riconducibili all’elevato numero di lavoratori coinvolti (4.500 unità), ha assunto l’impegno di segnalare
tempestivamente la situazione di forte tensione sociale che insiste sul territorio calabrese sollecitando
pertanto il Governo alla urgentissima convocazione delle parti sociali direttamente presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per dirimere definitivamente i molti risvolti di una vertenza che tra i tanti rischi e
risvolti negativi annovera quello più pesante di paralizzare il sistema dei servizi offerti dai comuni alla
collettività.

CGIL CISL UIL Regionali unitamente alle federazioni regionali di categoria NiDIL CGIL , CISL FP , FeLSA CISL e UILTemp@, ove le istanze prodotte oggi in sede prefettizia dovessero incontrare ostacoli , freni ed impedimenti di qualsivoglia natura da parte del Governo Nazionale, sposteranno la protesta davanti la sede di Montecitorio mobilitando tutti i 4500 lavoratori calabresi.

martedì 13 novembre 2018

IL 16 NOVEMBRE SCIOPERANO I LAVORATORI EX LPU E LSU AI QUALI IL 31 DICEMBRE SCADRA' IL CONTRATTO DI LAVORO.

Il 16 Novembre prossimo tutti i lavoratori ex LPU e LSU di Roccella e di tutta la Calabria incroceranno le braccia e indiranno una manifestazione presso la Prefettura di Catanzaro insieme ai sindacati CGIL, CISL e UIL (e mi auguro ci siano anche i sindaci!!!) poichè, ad oggi, il Governo Centrale attraverso la manovra finanziaria 2019 non ha previsto la copertura finanziaria per il rinnovo dei loro contratti di lavoro. 

Il 31 Dicembre prossimo, infatti, andranno in scadenza tutti i contratti a tempo determinato dei lavoratori ex LPU e LSU firmati ad inizio anno proprio della durata di 12 mesi. Si tratta di circa 40 lavoratori nel nostro paese e riguarda circa 4500 in tutta la Calabria. 

Sono passati 20 anni da quando gli Enti pubblici, approfittando della legge n. 468/1997 art. 7, hanno impegnato molte persone fino a quel momento disoccupate inserendoli nell'esercizio e nello svolgimento di varie forme di servizi per il miglior funzionamento della macchina amministrativa, dell'ordine del territorio e di servizi alla collettività; lavoratori che, nel corso degli anni, nonostante si siano inseriti nella pubblica amministrazione diventando parte integrante, essenziali ed indispensabili per l'esercizio delle sue funzioni, sono rimasti sempre precari ricevendo il solo assegno rilasciato dall'inps ma senza nessun tipo di contratto e senza nessuna copertura assicurativa e contributiva. 

Solo nel 2015 grazie al Decreto interministeriale dell’8 ottobre 2014, in base a quanto previsto dall’art. 1, comma 207 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, si è iniziato un percorso finalizzato all’obiettivo del superamento del precariato nelle Pubbliche Amministrazioni con la stipula di un nuovo contratto a tempo determinato (1 anno) e soprattutto con l’obiettivo che la Regione Calabria, in accordo con gli Enti Locali, predisponga un piano di stabilizzazione attraverso contratti a tempo indeterminato per tutti i lavoratori.

Purtroppo 20 anni non sono bastati per far assorbire questi lavoratori nella pianta organica dei Comuni, e quindi oggi si trovano ancora senza una certezza occupazionale e senza nessuna serenità di un futuro dignitoso.

In questi ultimi tre anni il Governo ha stanziato, ogni anno, 50 milioni di euro per formalizzare i contratti a tempo determinato (1 anno), cifra a cui la Regione Calabria ne aggiungeva 30 milioni dal suo bilancio.
Nella Legge di stabilità 2019 non c’è il fondo di 50 milioni, bensì solo una quota assegnata alla Regione, mediante il riparto del fondo per l’occupazione, di 21 milioni: pertanto, rispetto agli annunci, mancano ben 29 milioni.

Su questa grave incertezza nasce lo sciopero e la manifestazione del 16 Novembre prossimo, per chiedere che nella Finanziaria in discussione vengano inserite sia le misure economiche che quelle normative di modifica con l’obiettivo, da un lato, di garantire copertura e sostenibilità economica e, dall’altro, la continuità poiché la stabilizzazione è un processo che deve essere sostenuto ed assicurato economicamente nel tempo e non per una sola annualità.

Esprimo la mia più profonda solidarietà nei confronti di tutti i lavoratori ma soprattutto, nei confronti dei lavoratori di Roccella Jonica, che, ad oggi, non hanno garanzie di lavoro a partire dal Primo Gennaio 2019, lavoratori  senza i quali il nostro Comune cadrebbe in gravissima difficoltà poichè, dopo 20 anni, sono parte integrante ed essenziale della macchina organizzativa con tutti i servizi esplicati.

Terrò sempre accesa l'attenzione, come ho sempre fatto, sui problemi di questi lavoratori, sperando che gli schieramenti politici, a partire dal mio ex gruppo "Roccella Bene Comune" che nel marzo scorso aveva denunciato i mancati pagamenti di 3 mensilità degli stipendi, facciano il loro dovere per arrivare concretamente ad una soluzione definitiva dei contratti e fare in modo che finalmente tante famiglie possano vedere un orizzonte più sereno e sicuro.




LA BRILLANTE CARRIERA ARTISTICA DI AMEDEO BARALDI PUBBLICATA SUL QUOTIDIANO D'OLTREOCEANO "AMERICA OGGI MAGAZINE"

All'indomani dell'esperienza come concorrente de "L'Eredità", programma del pre-serale di RAIUNO, nella puntata andata in onda il 4 Ottore scorso, il nostro caro concittadino Amedeo Baraldi si racconta al corrispondente de "Il Quotidiano della Calabria" Domenico Logozzo che collabora anche con il giornale "America Oggi Magazine" edito a New York e distribuito in migliaia di copie fra la comunità italiana degli USA.

Ne è venuto fuori un servizio toccante e lusinghiero della lunga e brillante carriera artistica di Baraldi, che, ricordiamo, ha calcato, fin dalla giovanissima età,  i palchi della Calabria e non solo, prima come cantante con vari gruppi musicali e poi come presentatore televisivo e di spettacoli dal vivo. Fino a realizzare, un mese fa,  uno dei suoi desideri più aspirati ossia quello di poter cantare in Rai.

Di questa sua brillante carriera i due giornali, nei giorni scorsi, gli hanno dedicato due intere pagine.

Amedeo da qualche mese si trova fuori sede ma presto sarà di ritorno nella sua Roccella, paese che lo ha adottato e dove, grazie al suo carattere umile ed affabile, ha tantissimi amici che lo stimano e gli vogliono bene.

Ecco le due pagine a lui dedicate sulle due testate giornalistiche, la prima è quella "americana" e la seconda quella sul "Quotidiano della Calabria" del 18 Ottore scorso.






domenica 11 novembre 2018

LA VITA DI MASTRU MICHELI DI SCARPI IN UN BELLISSIMO ARTICOLO DI GIORGIA COLUCCIO PUBBLICATO SULLA RIVIERA

Fonte: http://www.larivieraonline.com/


Il medico delle scarpe sono io! Io so come devono camminare le scarpe”

Ho conosciuto Mastro Michele nei racconti di mio nonno, anche lui un vecchio mastro barbiere, che mi parlava di come si viveva dopo la guerra nel nostro paese, quando tutti i ragazzini andavano ad imparare un mestiere che per tanti di loro sarebbe diventato lavoro. Nei racconti emergeva un quadro sociale integro, fatto di rispetto e stima reciproca, nonché collaborazione e condivisione dei problemi di tutti i giorni.

Come ha iniziato a fare il calzolaio?
E chi n’daju u cuntu! Una volta i genitori si preoccupavano dei figli fin da piccoli perché non tutti potevano andare a scuola e quindi tanti bambini cominciavano ad imparare un mestiere già dalla piu tenera età. A mia sorella piaceva studiare ed è diventata professoressa, mio fratello lavorava, poi c’ero io. A scuola non andavo bene, studiavo poco ed ero bravo solo in matematica. Per questo motivo, mio padre, preoccupato per me, chiese a Mastru Tommaso Romano se potevo diventare suo discepolo. Così all’età di nove anni preparai u bancareju che ancora conservo, e iniziai a lavorare nella sua bottega insieme ad altri bambini: la mattina studiavo e il pomeriggio imparavo il mestiere. Quando finii la scuola dedicai tutto il mio tempo al lavoro. Noi ragazzi facevamo anche le consegne ai clienti con la speranza di recuperare qualche lira da mettere nel caruseju che rompevamo a Natale o a Pasqua per dividerci i soldi raccolti. Una volta ottenuta la fiducia del Mastru, diventai u capu mastru di fijjoli, gestivo tutto io, sia i discipuli che le faccende del negozio. Restai con lui per 18 anni, fino a quando non ero pronto per aprire un’attività tutta mia. Nel 1958, all’età di 25 anni, mi sistemai nel magazzino di mio padre e iniziai a lavorare con i miei discepoli. Comprai le forme per ogni tipo di piede, per bambini, per uomo e per donna con tacco alto e con tacco basso. C’era tanto lavoro durante il giorno, tanto che le tomaie che i discepoli non riuscivano a completare, dovevo portarle a casa per finirle di sera. In estate non lavoravo molto, ma quando arrivava il freddo e le prime piogge, i clienti portavano le scarpe da riparare in vista della brutta stagione.

Per chi erano le scarpe che faceva?
Facevo scarpe per ogni tipo di piede, per chi aveva calli, dita storte o cipolle, il piede più grosso o più corto. Prendevo le misure con il centimetro e modellavo le scarpe per come era necessario, a volte anche tagliandole in punta per fare uscire qualche dito fuori. Mi dedicavo alle scarpette per i bambini piccoli, facendole alte alla caviglia per aiutarli a camminare bene e a non prendere storte. Oggi invece in molti hanno problemi ai piedi perché usano scarpe belle, ma non comode. Utilizzavo principalmente camoscio o pelle per fare mocassini o scarpe allacciate per tutti i giorni, o per la campagna con gli attacci. Insomma scarpe di tutti i tipi, che costavano intorno alle 70/80 lire, meravigliando per prezzi così bassi chi veniva da fuori. Ricordo di aver fatto dei mocassini con un taglio particolare per un medico di Monasterace e le scarpe per la cerimonia del passaggio di grado del Prete Cappelleri di Roccella. Il materiale che utilizzavo per le scarpe me lo portavano da Messina o da Catania. Quando scuoiavano un bue, dividevano u coriu in due parti, con quella di sopra che era più sottile facevano la pelle, con quella di sotto, più rigida, facevano il cuoio. La pelle era fornita a rotoli e si pagava a peso.

Si ricorda qualche richiesta particolare?
Mo ti cuntu nu fattu curiusu: Una volta mi capitò di dover rialzare una scarpa di 4 centimetri per un signore che aveva l’altra gamba ingessata. Quando il lavoro era pronto e avevo accuratamente preparato il tacco con le tavolette di sughero, livellandole in modo da favorire la camminata, il cliente venne a ritirare la scarpa, con l’intenzione di farla vedere al medico per un parere. Dopo qualche giorno ritornò, sostenendo che il medico non approvava il lavoro fatto. Io risposi “u medicu di scarpi sugnu eu, eu sacciu comu n’dannu u caminanu i scarpi”. Non tornau!

Cosa avrebbe fatto se non fosse diventato calzolaio?
Non so cosa sarei diventato. Ho fatto il calzolaio sin da bambino e ho sempre amato e svolto con passione il mio lavoro, non pensando a un’alternativa. Il mio mestiere mi è sempre piaciuto e mi sono sempre sentito gratificato nell’accontentare al meglio le richieste dei clienti.

Quali altri interessi conserva?
Ho imparato a suonare il clarinetto perché il Comune portava a Roccella i maestri di musica che ci insegnavano prima il solfeggio e poi le armonie. Quando siamo diventati bravi, abbiamo iniziato a suonare nella banda del paese; eravamo tutti ragazzi che lavoravamo, insomma una banda di artigiani. Ma la mia più grande passione è la pesca. Quando ero ragazzo andavamo a pescare quasi tutti i giorni, scavavamo per cercare i vermi e, quando ne avevamo abbastanza, andavamo a gaioleji. Mi ricordo che una volta prendemmo una cernia di oltre 50 kg cu consu, e festeggiammo pe na settimana. Per un paio di anni pescavo dalla via Marina perché il mare aveva portato via la spiaggia e le onde battevano sul muro del lungomare. Sistemavo le canne da pesca e mi mettevo a lavorare in un piccolo laboratorio dall’altra parte della strada. Quando vedevo le canne che si muovevano, lasciavo il lavoro e correvo a tirare i pesci. Tutt’ora quando è una bella giornata esco in barca, ma no cu friddu ca sinnò cadu malatu, e poi chi fazzu a casa?

È valsa la pena fare tutti questi sacrifici?
Lavoravo dalle 7 di mattina fino alle 9:30-10 di sera; quando c’era luce lavoravamo fuori, e nei primi tempi, prima che arrivasse l’energia elettrica, quando era buio usavamo le candele. Ho fatto tanti sacrifici, ma sono soddisfatto della mia vita. Sono riuscito a portare avanti la famiglia, permettendo ai miei figli di laurearsi e ho condotto sempre una vita dignitosa. Questa è la mia più grande soddisfazione.

Che prospettive ha questo lavoro nella nostra epoca?
Una volta a Roccella eravamo 50/60 artigiani e ognuno di noi aveva un magazzino con 5 o 6 giovani discepoli, perché insegnare ai bambini è molto più semplice, apprendono in fretta. Tutti i ragazzini dovevano trovare un mestiere da imparare: chi andava dal barbiere, chi dal falegname, chi dal mastru custureri e chi dal forgiaro, tutti facevano qualcosa. Anche io avevo tanti discepoli alcuni dei quali, nonostante fossero diventati bravi, oggi fanno tutt’altro, perché questo mestiere non basta pe campari. Oggi non ci sono più i scarpari di una volta e chi fa ancora questo antico mestiere, si limita a piccole riparazioni, tacchi, qualche bottone o cerniera. Inoltre il mercato è cambiato, le scarpe sono scadenti e costano poco, per cui i clienti preferiscono comprarne un paio nuovo piuttosto che pagare una riparazione. Il piccolo artigianato purtroppo è finito, specialmente nelle realtà locali. Io ho vissuto sulla mia pelle, negli ultimi 25-30 anni, questo grande cambiamento che è figlio di un progresso che non ha sempre migliorato le nostre condizioni di vita e che ha costretto tanti giovani a cercare lavoro altrove, impoverendo questa nostra terra.

Giorgia Coluccio

IN MERITO ALLA CHIUSURA DELLA BIGLIETTERIA DELLA STAZIONE FERROVIARIA DI ROCCELLA JONICA

Da un comunicato di Telemia è emerso e portato all'attenzione dell'opinione pubblica le intenzioni di Trenitalia di chiudere lo sportello di biglietteria della stazione ferroviaria di Roccella Jonica. 

La professionalità di Giuseppe Mazzaferro, editore di Telemia, va oltre il rilascio della notizia, ma di questa da un taglio non solo informativo ma anche di denuncia. 

Dimostrando il grande spirito di attaccamento alla nostra Terra oltre che al suo lavoro, Mazzaferro, consapevole di questa ennesima tegola che porta ad una ulteriore regressione per il nostro territorio, fa appello ai politici e ai sindacati affinchè possano intervenire contro la decisione di RFI di chiudere le ultime stazioni della ferrovia jonica.

Nonostante l'accorato sollecito di Telemia, gli interventi dei politici non ci saranno poichè nessuno ha il coraggio di prendersi carico di condurre una battaglia già persa prima di incominciare, perchè i politici, che vivono di consenso popolare, pensano che avallare una causa persa sarebbe, a giudizio dell'opinione pubblica, anche una loro sconfitta personale.

A spegnere le velleità di Mazzaferro e le speranze di chi ama il nostro paese, ci pensa Roberto Galati, presidente dell'associazione ferrovie in Calabria, che conferma il rischio  dell'imminente chiusura della biglietteria di Roccella e sottolinea uno strano paradosso che se da un lato la Regione Calabria e Trenitalia stanno per investire sulla linea jonica dall'altro decidono di chiudere le biglietterie (che offrono anche servizio informazioni per chi con Internet non è proprio pratico!!!).

Roberto Galati attesta che, nonostante il rischio di chiusura della biglietteria sia imminente, l'associazione ferrovie in Calabria è contraria a una diminuzione del personale nelle stazioni perchè ciò causerà, oltre alla mancanza del servizio di emissione di biglietti e il rilascio di informazioni, la mancanza di "sorveglianza" della stazione stessa che porterà gradatamente al suo abbandono.

 E' cosi Roccella Jonica, dopo aver perso l'Ufficio Enel e Telecom, la Guardia di Finanza e il Polo Sanitario d'eccellenza, e mettiamoci anche il Cinema che ben gestito com'era attraeva molte persone da tutto il comprensorio, si accinge a chiudere l'ultimo sportello della storica stazione ferroviaria che fino a 20 anni fa fungeva da snodo ferroviario e cambio del personale, era presente negli orari affissi nelle stazioni di Milano, Torino, Roma e Bari e dai microfoni delle stazioni di queste grandi città, ad ogni partenza ed arrivo, veniva menzionata la stazione di Roccella Jonica.

In ogni parte d'Italia e del mondo il passare del tempo segna progressi, rinnovamenti, costruzione di nuove infrastrutture; qui da noi, al contrario, venti anni fa molte cose funzionavano meglio di oggi, c'erano due ospedali, partivano e arrivavano i treni a lunga percorrenza, l'estate turistica durava tre mesi e anche di più....

Riporto qui di seguito l'intervento di Roberto Galati, presidente dell'associazione ferrovie in Calabria, scritto all'indomani del servizio - appello di Telemia. 

A Giuseppe Mazzaferro va il mio incoraggiamento a non mollare e a continuare a fare informazione con il cuore, raccontando la verità ma anche criticando con obiettività le Istituzioni, con la speranza che la sua penna colpisca....e faccia risvegliare dal sonno i nostri  inefficaci politici.


Fonte: http://www.soveratiamo.com
E' esploso da alcuni giorni fa il "panico biglietterie" in Calabria, dopo un breve comunicato lanciato da un'emittente TV locale, da sempre attenta alle tematiche sociali e dei trasporti nel nostro territorio, e che ringraziamo per la loro costante opera di sensibilizzazione. In questo caso, però, la notizia comunicata è in parte errata ed in parte incompleta.

Il comunicato, nel quale si parla di notizie provenienti da altre "fonti", si parla di chiusura a dicembre per le biglietterie Trenitalia di Soverato e di Roccella Jonica, con contemporaneo trasferimento del personale qui in servizio, ai fini di potenziare le biglietterie ancora attive sulla Ferrovia Tirrenica.

Peccato che la biglietteria di Soverato sia stata chiusa già cinque anni fa (non c'è traccia di personale dal 2013, quando erano in servizio due capi gestione, uno andato in pensione in quello stesso anno, e l'altro subito dopo trasferito a Catanzaro Lido per coprire un ulteriore pensionamento), e quella di Roccella Ionica sia effettivamente a rischio chiusura, ma sempre a causa del solito problema: personale in via di pensionamento. E se un capo gestione (spesso l'ultimo rimasto nella specifica biglietteria) si pensiona, di certo non viene inviato a potenziare le biglietterie della Ferrovia Tirrenica! Tralasciando poi il titolo del comunicato, che recita "Continua lo smantellamento della Ferrovia Ionica", quando per smantellamento si intende ben altro, e ne sappiamo qualcosa, ricordando quando fino al 2014 il rischio smantellamento della linea e dei servizi era più che reale.

Oggi, sulla Ferrovia Ionica, si sta investendo come non mai, tra rinnovo dell'armamento, elettrificazione, velocizzazione, inserimento di vetture idonee sui servizi InterCity, e tanto altro di cui da mesi discutiamo su queste pagine. Fondamentalmente parlare di "smantellamento" per la chiusura di una biglietteria, servizio che comunque riteniamo importantissimo, ci sembra alquanto esagerato!

Con questo non vogliamo minimizzare il problema biglietterie, anzi. Il problema è ben più importante di quello riportato da TeleMia, e riguarda tutta la Calabria (altro che potenziamento delle biglietterie Tirreniche!), e molto più in generale, l'Italia intera. Anzi, forse interessa in generale le ferrovie del mondo Occidentale, che purtroppo o per fortuna (dipende dai punti di vista), stanno sempre più informatizzando ed automatizzando i processi di emissione ed acquisto dei biglietti ferroviari, con app per cellulari, emettitrici self service, o appoggio su sistemi informatici di terzi (come nel caso dei punti Sisal dove è possibile acquistare i biglietti ferroviari di Trenitalia).

L'opinione dell'Associazione Ferrovie in Calabria, pur non essendo certo contraria alla modernizzazione dei sistemi, rimane comunque quella di mantenere la presenza umana in biglietteria, per lo meno nelle stazioni di medio/grande importanza e, possibilmente, distribuite in modo uniforme e coerente sul territorio.

La nostra Regione, infatti, ha visto un costante depauperamento delle biglietterie Trenitalia attive, peraltro nel silenzio quasi assoluto di media ed associazioni. Siamo sempre stati gli unici (o quasi) a far notare il problema: emblematiche le nostre battaglie, purtroppo non ancora vinte, per il ripristino della biglietteria di Crotone, condivise con la sezione crotonese di Italia Nostra e le associazioni dei pendolari del territorio.

Ma anche quando la biglietteria di Soverato venne soppressa (5 anni fa, non tra un mese!), siamo stati ancora una volta gli unici a farlo notare, ignorati da tutti. Ignorati anche i nostri appelli sull'importante biglietteria di Catanzaro Lido (parliamo del capoluogo di Regione!), aperta sempre più a singhiozzo, mentre un nuovo problema si affaccia anche per la biglietteria della stazione di Scalea (alla faccia del potenziamento sulla Tirrenica...), che già oggi è più facile trovare chiusa che aperta e che rischia la chiusura a breve termine.

Di fatto, ad oggi, questa è la situazione delle biglietterie attive in Calabria: - Reggio Calabria Centrale - Villa San Giovanni - Catanzaro Lido - Roccella Ionica - Lamezia Terme Centrale - Paola - Scalea - Sibari - Cosenza - Gioia Tauro - Vibo-Pizzo - Cariati.

A rischio, da quelle che sono le nostre fonti, sono ovviamente Roccella Ionica e Scalea come già anticipato, ma anche Cariati (anche in questo caso la biglietteria è "ad esaurimento", ovvero verrà chiusa con il pensionamento dell'ultimo capo gestione), mentre negli altri casi (salvo per fortuna Reggio Calabria Centrale, gestita dalla Divisione Passeggeri Long Haul di Trenitalia e non dalla Divisione Passeggeri Regionale) risultano sempre più frequenti le aperture a singhiozzo causa riduzione lenta ma inesorabile del personale addetto.

A nostro parere, la Calabria, ma in generale tutta la società anche fuori regione, non è pronta il definitivo addio alla biglietteria "umana". Ma non è pronta peraltro neanche Trenitalia, poichè non sono poi così tante le operazioni di acquisto/modifica dei biglietti di viaggio con particolari offerte, eseguibili anche online o da emettitrice automatica.

Riteniamo non sia normale dover percorrere magari 100 km per trovare una biglietteria aperta (rischiando peraltro di trovarla chiusa per l'unico capo gestione rimasto ha l'influenza!) dove poter effettuare l'operazione di cui necessita l'utente, senza dimenticare che la presenza umana in una biglietteria comunque garantisce la possibilità di offrire informazioni all'utente, e non di meno (anche se il problema andrebbe risolto diversamente), la presenza umana garantisce anche un minore rischio di atti vandalici all'interno della stazione ferroviaria.

Basti considerare il caso di Soverato, che successivamente alla chiusura della biglietteria, ha visto un notevole peggioramento delle condizioni estetiche ed igieniche della stazione, in ogni caso mantenuta in condizioni di decoro da parte di RFI e ditte appaltatrici delle pulizie, con grande sforzo e costanza.

Noi di Associazione Ferrovie in Calabria, quindi, riteniamo opportuno un rinnovo ed un incremento delle risorse umane destinate alle biglietterie (vista anche la recente e consistente ripresa delle assunzioni da parte di Trenitalia in Calabria), sia per garantire un'apertura costante di quelle ancora attive, e sia il ripristino (con assoluta urgenza) in primis di Crotone e Rosarno, ed in pari ordine di importanza, anche Soverato, Monasterace-Stilo, Locri, Melito di Porto Salvo, Rossano.

La nostra istanza verrà portata avanti con la Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia, e con il committente del servizio ferroviario da essa gestito, ovvero la Regione Calabria: seguiranno aggiornamenti.
Roberto Galati

giovedì 8 novembre 2018

GRANDE SUCCESSO PER IL M° URSINO ALLA WORLD CUP DI MALTA


Gli atleti del CENTRO STUDI KARATE conquistano 4 titoli iridati e 2 medaglie d’argento.


Nella splendida cornice dell’isola di Malta, nazione famosa per i siti storici collegati ai vari dominatori dell'isola, dai romani, ai mori, ai Cavalieri di San Giovanni, ai francesi e agli inglesi si è tenuta la WORLD CUP 2018.


Gli atleti premiati del Centro Studi Karatè  con il loro Maestro Vincenzo
Ursino e il presidente mondiale Dave Wong

L’evento, tenutosi nei pressi de La Valletta nei giorni 3 e 4 novembre, con la partecipazione di numerosissimi atleti e Campioni provenienti da 17 nazioni, è stato organizzato dalla World Martial Kombat Federation grazie all’instancabile lavoro del suo Segretario Generale, Gino Vitrano ed ha goduto del Patrocinio del Ministero dello sport dell’isola.

Strepitoso il successo del CENTRO STUDI KARATE che ha primeggiato nella specialità dei KATA Giapponesi conquistando un oro a squadre con Jennifer Ursino e Marilù D’Agostino ed ancora tre ori nell’individuale con Federico Polito, Simone Sanci e la stessa Jennifer Ursino.


Il M° Ursino con il presidente Wong.
Numerosi gli attestati di stima ricevuti dal M° Vincenzo URSINO (Presidente e Direttore Tecnico del sodalizio calabrese) che anche per questa manifestazione ha svolto il ruolo di arbitro internazionale ed è stato omaggiato direttamente dal Presidente Mondiale Dave WONG.


Elogi anche da parte dell’Associazione Italiana Cultura e Sport tramite il Dott. Arturo NASTASI che ha sottolineato la valenza sociale ed educativa promossa da sempre dal M° URSINO ma soprattutto l’esportazione dell’immagine positiva della nostra Calabria al di fuori dei confini nazionali.

mercoledì 7 novembre 2018

UN CONVEGNO DI GRANDE ATTUALITA' SULLE DIVERSE STRATEGIE PER FAR DIVENTARE LA RACCOLTA RIFIUTI IN RISORSA.

Il meetup MoVimento 5 stelle di Roccella Jonica invita la cittadinanza a partecipare all’ interessantissimo convegno che si terrà venerdì 9 novembre 2018 presso il Convento dei Minimi di Roccella Jonica.



Il rispetto e la cura per l'ambiente sono, da sempre, prerogative del MoVimento 5 stelle che fonda proprio su questa tematica le sue basi. In tempi non sospetti e quindi ancor prima di vedere la nostra amata spiaggia nelle condizioni pietose in cui versa, il gruppo attivisti 5 stelle Roccella Jonica ha ritenuto doveroso impegnarsi, unitamente ai portavoce del MoVimento 5 stelle che interverranno, all’ organizzazione dell’evento intitolato “Da rifiuti a risorse, conoscere e programmare la strategia rifiuti zero". 


Un tema da affrontare insieme per dare speranza al futuro.
Rivolgiamo il nostro invito, inoltre, alle associazioni, circoli, cooperative, onlus dell’intero comprensorio Locrideo per condividere strategie risolutive e lo scambio reciproco di idee e proposte; con l'obbiettivo di stimolare interesse per la corretta ed utile gestione dei rifiuti a tutela dell'ambiente e della salute pubblica.


Questo nuovo momento di conoscenza e di dialogo sarà importante per costruire insieme una forte rete di collaborazione e coordinamento fra i cittadini, le associazioni e le istituzioni. 


Quale migliore occasione, infine, per dar voce ai bisogni urgenti di questa terra da riferire direttamente ai parlamentari ed europarlamentare che si prestano a informarci ma anche ad ascoltarci!

sabato 3 novembre 2018

IN RISPOSTA A CHI MI CONSIDERA UN "TRADITORE"

Caro Nicola, diversamente da come la pensano quelli che hanno commentato prima di me, io credo invece che hai sbagliato, hai commesso un gesto di alto tradimento nei confronti di chi ti ha dato fiducia e stima nei quattro anni trascorsi a far politica insieme. 

Io sono sempre stato presente agli incontri e non ho mai visto nessuno "puntarti un coltello alla gola" per farti accettare l'incontro con la controparte. 

A questo punto mi sorge il dubbio che tu abbia aspettato di proposito il momento per poterti sfogare. 

Secondo me avresti fatto meglio ad essere franco con quelli che ti consideravano un amico oltre che un "collega politico" ma, a quanto pare, tu politico non lo sei mai stato, non lo sei e non lo sarai. 

Credo inoltre che tu sia stato abbondantemente imbeccato proprio per creare una rottura. Avresti ricevuto stima e apprezzamento dal gruppo se avessi detto a priori "mi dispiace ma non me la sento". 

Non mi pronuncio per gli altri ma per me stesso e ribadisco ancora una volta che ti sei comportato da traditore.

Claudio Belcastro


La mia risposta:

Caro Claudio,
una cosa giusta l'hai detta nel tuo inciso ossia che io non sono un politico. Infatti non mi sono mai considerato tale. In questo blog, infatti, non ho mai manifestato mie opinioni sulla politica nazionale e se fossi stato un politico di certo il 3 marzo scorso  non avrei votato per te esponente di "estrema destra" e per Nicola Lucà esponente di "estrema sinistra". Per me l'amicizia verso le persone che ho vicino vale un tantino  di più rispetto all'ideale politico.

Superato questo tutto il resto che dici non è assolutamente corretto e non corrisponde a verità.

Tu lo sai bene perchè sia a te personalmente che in ogni seduta di riunione  con tutto il gruppo ho sempre manifestato il mio scetticismo sulla scelta di accordo con la maggioranza, sono rimasto fermo in questa idea nonostante i propositi e i tentativi di convincimento da parte del gruppo che ritiene che per il bene del paese occorre lasciarsi alle spalle il passato e i personalismi.

Ho sempre manifestato, inoltre, la mia non intenzione di incontrarmi con i membri della maggioranza, nonostante il gruppo ha continuato a ribadirmi  che prima o poi sarebbe stato inevitabile.

E che io non fossi interessato ad incontrare i membri della maggioranza si è potuto dedurre dal fatto che non ho manifestato nessuna contrarietà quando, senza dirmi nulla, i nostri rappresentanti si sono incontrati con loro quella domenica e successivamente hanno diramato un comunicato stampa senza che io sapessi nulla, quando invece solitamente ero  sempre uno dei primi a conoscere le cose.

Ripeto: nonostante disapprovassi questo potenziale accordo, mi avete sempre chiamato per le riunioni ed io non mi sono mai sottratto per la grande stima che ho verso tutte le persone del nostro gruppo e perchè credevo profondamente alla qualità del programma che è, in piccola parte, anche frutto del mio essere.

Nessuno mi ha puntato il coltello al collo per farmi accettare l'incontro con la controparte, ma mercoledi scorso uno dei rappresentanti più carismatici del gruppo del quale, ripeto, nutro una stima sconfinata, è venuto a trovarmi ed ha insistito per ore affinchè questo incontro avvenisse.

Io per il grande rispetto che ho verso il mio grande amico e compagno di viaggio ed anche per il fatto che in vita mia mai mi sono tirato indietro quando c'è stato da incontrare chiunque, ho accettato a patto che non fosse un incontro formale per stringersi la mano ma che si fossero trattati gli argomenti che da anni ci vedono lontani come pensiero.

Quando siamo partiti da Roccella neanche sapevo dove ci saremmo diretti, pensavo saremmo andati in qualche studio  o in una abitazione in maniera da poter parlare e avere un confronto sulle tematiche oggetto della profonda frattura che da anni ci divide come pensiero con chi amministra.

Ed invece l'incontro è avvenuto in un locale pubblico.

Ma secondo te Claudio, per quel poco che mi conosci, ma sapendo quanto cuore ci metto nelle cose che faccio  e in quelle che sono le mie convinzioni per il mio paese, poteva mai e poi mai accadere che io potessi stringere la mano a quelle persone  cancellando in un attimo le mie mille battaglie contro il loro "pensiero unico", contro la truffa perpetrata per l'acquisizione del porto che oggi lo proietta ad essere un porticciolo ininfluente per lo sviluppo del paese e del comprensorio, contro il  disastro ambientale combinato per la mancanza di pulizia del parco collina, contro la vessazione ai cittadini e ai commercianti con le migliaia di cartelle esattoriali causate dalla fortissima pressione fiscale  che loro hanno causato, contro lo sperpero di denaro pubblico del fallimentare festival jazz, ed ancora contro le pugnalate che mi hanno inferto con le minacce di morte e le varie denunce con lo scopo di estorcermi denaro.

Io quella sera ero pur pronto a stringergli la mano nel momento in cui, faccia a faccia, mi avrebbero risposto e convinto su tutte queste domande. Ma, evidentemente, poverini, li ho spaventati con il mio tono della voce, loro abituati a volare alto e a stare seduti a tavolino ad inventarsi come arrampicarsi sugli specchi nell'imbonire  le menti dei cittadini roccellesi, si sono impressionati davanti al mio ardore nel metterli davanti alle loro gravissime colpe e malefatte, e sono sfuggiti al confronto!!!

Traditore, caro Claudio, non è chi rimane coerente con il proprio pensiero, non è chi stima profondamente le persone con cui lavora e dice chiaramente le cose in faccia, non è chi accetta di dialogare ed è pronto al confronto sui temi caldi del nostro paese. Io ti ripeto quella sera ero pronto a farlo questo confronto a faccia a faccia sui temi però, ero pronto a uno scambio di ragioni e opinioni con tutti i toni di voce, magari loro anche più alto del mio. E le persone del nostro gruppo che mi hanno convinto ad andare a questo incontro lo sapevano che queste erano le mie intenzioni.

Davanti a questa possibilità di confronto schietto sui temi e problemi del paese gli amministratori se la sono dati a gambe.. 

Non credo di avere la verità assoluta, questa è la mia verità e continuo ad avere rispetto dell'opinione altrui. Ed è per questo che rispetto ma non condivido la strada intrapresa da Roccella Bene Comune. Ed è in virtù delle vostre convinzioni - che continuo a ritenere sono nell'interesse del nostro paese - sono sicuro che saprete portare avanti ciò che più di sincero c'è dentro di voi e riuscirete a farlo benissimo anche senza di me, senza un NON POLITICO che sicuramente sarebbe stato d'intralcio in questo vostro nuovo percorso intrapreso. 

Buona fortuna!!!

P.s. Ringrazio davvero dal più profondo del cuore e con commozione tutte le persone che attraverso messaggi, telefonate, commenti mi sono vicine e mi supportano e mi incoraggiano in questo mio comportamento e in questa mia scelta. 

Gli amministratori disertano il Concerto a scopo benefico di Povia. Il rammarico degli organizzatori.

A distanza di pochi giorni dal concerto di beneficenza, che ha visto il cantautore Povia esibirsi presso l’auditorium comunale, il meetup MoVimento 5 Stelle di Roccella Jonica vuole spendere poche parole per commentare la non partecipazione, allo stesso, delle forze politiche della cittadina.

Preliminarmente, ringraziamo ancora tutti coloro che hanno contribuito volontariamente alla raccolta del fondo che sarà destinato alle famiglie in difficoltà economica di Roccella Jonica. Su questo punto vi aggiorneremo a breve in quanto ci stiamo apprestando a concludere l’iter burocratico previsto per la realizzazione della manifestazione.


Siamo stati gratificati per il lavoro svolto dalla presenza dei numerosi cittadini che hanno compreso la natura dell’evento ma al contempo non capiamo come giustificare l’assenza delle forze politiche roccellesi che, ovviamente, non è passata inosservata.


Sì, perché l’amministrazione comunale e le forze di opposizione hanno disertato, un evento, definito da tutti, nobile per il suo fine.


Crediamo che sia un fatto gravissimo! Non per noi ma per la comunità.


Le forze politiche non hanno a cuore i bisogni delle persone in difficoltà? Probabilmente, vista la loro assenza, no!


La beneficenza non è mai risolutiva, e questo è pacifico, ma il gesto solidale più importante è dimostrare, con la presenza fisica, di esser vicini a situazioni difficili. L’amministrazione comunale e l’opposizione hanno dimostrato di aver avuto altre cose a cui dedicarsi la sera di venerdì scorso.


Eppure in queste ore leggiamo comunicati stampa e inviti a partecipare a un’altra nobile iniziativa a seguito della disastrosa situazione in cui versa l’arenile dopo le forti piogge e le mareggiate che hanno contribuito a deturparlo ancora di più con detriti, plastiche e spazzatura in genere.


Probabilmente, anzi sicuramente, i letti dei torrenti non sono mai stati oggetto di interventi di pulizia e bonifica e ora che ciò è agli occhi di tutti, gli amministratori non possono fare a meno di intervenire tempestivamente. Ben venga!


Tutti abbiamo a cuore l’ambiente e il territorio del comune di Roccella!


Il meetup Movimento 5 Stelle di Roccella Jonica ha sempre denunciato lo stato disastroso di alcune zone roccellesi nella speranza che chi di dovere prendesse provvedimenti, ma ancora gli stessi luoghi presentano cumuli di rifiuti ingombranti e non. Stallo Totale!


Apprendiamo, ancora, che tutti, ora (meglio che mai), si stanno prodigando per risolvere una emergenza ambientale senza fare distinzione di colori e ideologie politiche.


Queste persone sono, però, le stesse che non hanno partecipato al concerto di beneficenza contribuendo a sostenere un evento di tale portata per un fine così nobile.


Non dovete dare spiegazioni a noi, ma ai cittadini attenti alle dinamiche politiche roccellesi!

DUE STRAORDINARI SCATTI DI ANGELO LAGANA'

Un Lungomare così, a Reggio, non si vedeva da tanti tanti anni. Le Frecce Tricolori hanno richiamato in città decine di migliaia di persone da tutte le province calabresi e da gran parte della Sicilia. La via Marina, completamente chiusa al traffico in occasione della seconda “domenica sostenibile”, s’è gremita di circa 100.000 persone che nel pomeriggio hanno assistito incantate allo spettacolo dell’Air Show “Scilla & Cariddi” con l’esibizione delle celebri Frecce Tricolore.

.

.
.

.

.

VINCENZO MILANO CI REGALA L'ECLISSI SOLARE VISTA DAL CASTELLO

.

Oggi 20 marzo, nonostante le nuvole, abbiamo potuto assistere, dalle nove e mezza fino alle undici, all'eclissi di sole. Qui da noi il sole, "coperto" dall'ombra della luna, si è oscurato soltanto per il 41%. La prossima eclissi parziale avverrà nel 2026 mentre per avere un'altra eclissi solare totale dovremmo "attendere" fino al 2081.
Questo straordinario evento è stato filmato dal videomaker Vincenzo Milano del Laboratorio DreamLab Studio di Roccella Jonica dalla postazione della Torre di Pizzofalcone. Un video, montato e musicato con grande sapienza, capace di trasmettere un brivido di emozione.

FESTIVAL JAZZ: DALLA GRANDE ILLUSIONE ALL'IMPIETOSA REALTA'

.

.
Il regalo di Natale del M°. Angelo Laganà

OLTRAGGIO ALLA CITTA'

OLTRAGGIO ALLA CITTA'
OLTRAGGIO ALLA CITTA'. Foto di Angelo Laganà
Bellissimo video su Roccella Jonica realizzato e concesso da Roberto Naldi - operatore di ripresa per la RAI - di Empire 2000.

Fantasia e tanto divertimento per questo video davvero simpatico. Complimenti agli autori!

Fantasia e tanto divertimento per questo bel video sulla differenziata davvero molto simpatico. Complimenti agli autori
L'importante è che gli artisti del Jazz (con tutto il rispetto per gli artisti del Jazz) dormano nell'hotel a 5 stelle!!!

DOPO LA SOPPRESSIONE DEI TRENI CHE DALLA FASCIA IONICA DELLA CALABRIA PARTONO ED ARRIVANO DA TORINO E MILANO, TRENITALIA ED RFI HANNO DECISO DI SOPPRIMERE DAL PROSSIMO MESE DI DICEMBRE IL TRENO PER ROMA CREANDO COSI' UN ENORME DISAGIO PER TUTTI I VIAGGIATORI CHE DALLE GRANDI CITTA' SONO DIRETTI NELLE NOSTRA AMATA TERRA.



NESSUN POLITICO SI STA MUOVENDO, NESSUNA ISTITUZIONE STA CERCANDO DI TROVARE UNA SOLUZIONE.



TUTTO CIO' PROCURERA' NON SOLO UN PROBLEMA LOGISTICO PER LE MIGLIAIA DI PERSONE CHE CAUSA FORZA MAGGIORE VIVONO, STUDIANO O LAVORANO AL NORD ED AVRANNO MOLTE DIFFICOLTA' NEL RITORNARE A CASA, MA QUESTO PROVOCHERA' ANCHE UN INEVITABILE CALO NEL SETTORE DEL TURISMO, UNICO SOSTENTAMENTO NELLE ZONE DIMENTICATE DA POLITICA E POLITICANTI.



UN NETTO CALO DI TURISTI SI ERA GIA' AVVERTITO NEGLI SCORSI ANNI ANCHE E SOPRATTUTTO A CAUSA DELLE DIFFICOLTA' NEI TRASPORTI, MA ORA QUESTA DECISIONE CHE RITENIAMO ASSURDA E SENZA SENSO, AVRA' DEI RISVOLTI DISASTROSI PER TUTTI I PAESI CHE VANNO DA CATANZARO A REGGIO.



SE POLITICI COMPIACENTI NON HANNO INTENZIONE DI TROVARE UNA SOLUZIONE QUESTA VOLTA SONO SICURO CHE LA SPINTA DEBBA PARTIRE DAL BASSO E DA CHI VIVE ED AMA LA NOSTRA TERRA.



INSIEME POSSIAMO!



http://www.facebook.com/home.php?sk=group_168290399868580

ECCO PERCHE' POCO PIU' DI UN ANNO FA PESTAVA I PUGNI SUL TAVOLO DEL CONVENTO DEI MINIMI

ECCO PERCHE' POCO PIU' DI UN ANNO FA PESTAVA I PUGNI SUL TAVOLO DEL CONVENTO DEI MINIMI
Quale sindaco mai oltre a lui stesso o a chi per lui avrebbe consentito una liquidazione cosi rapida a suo favore? Un ulteriore una tantum prelevato da un fondo "segreto e nascosto". Cari elettori meditate...Dedicato a tutte quelle associazioni che partecipano alle riunioni con l'amministrazione la quale puntualmente ricorda pressappoco cosi: "Non chiedete soldi perchè non ce ne sono!"

UN FACCIA A FACCIA CON IL SINDACO CERTOMA' DAI TONI ACUTI!

Due ore e un quarto di "scontro" verbale e dialettico senza esclusione e risparmio di colpi e di energie, l'incontro con il prof. Certomà è finito in una inevitabile bagarre, visto che di fronte c'era una persona (il sindaco di Roccella Jonica, completamente cambiato rispetto a 10 anni fa) che nega l'evidenza e lo stato reale delle cose, che ha cercato anche con paroli forti e becere (offendendo facendo l'offeso) di mettermi in difficoltà, ma che in difficoltà è caduto lui visto che non ha saputo rispondere a nulla "perchè io rispondo solo dei fatti che si sono verificati in questi 6 mesi che sono sindaco della città!!!"
E' una assoluta vergogna essere governati da persone non consapevoli che il commercio roccellese è allo sbando, gente che è convinta che il turismo in queste ultimi 15 anni è aumentato a dismisura e cieche davanti a tutte le opere abbandonate (bretella alla SS106, parco collina e parco giochi di via Zirgone, caserma e spogliatoi e parcheggi del porto, ospitaletto, mercato coperto, mercato ittico, area fitness, hotel Ariston, e ultima la piazzetta di via Aldo Moro!)
Io mi auguro di vero cuore che i roccellesi iniziano ad aprire gli occhi perchè, oggi più che mai, mi rendo conto di quanto l'amministrazione comunale e la cittadinanza è succube di Sisinio Zito ma, purtroppo, finchè ci sarà lui a manovrare i fili con l'unico intento di portare più risorse possibili alla sua associazione del festival jazz, Roccella non avrà speranza!!!
E pensare che sarebbe bastato che il Governo Prodi avesse varato la strabenedetta legge sul conflitto d'interesse a far si che il "nostro" senatore" si ritirasse dalla scena da solo!!!

16 ottobre 2005-16 ottobre 2009:4 anni dall'omicidio Fortugno."U cumpari du cumpari e to' cumpari!"

I VINCITORI DI ROCCELLA ON YOUTUBE

Tre straordinari video sono saliti sul podio in questa 2° edizione del Concorso curato da Mariagrazia Curciarello. Tre video, diversi fra loro, che li accomuna solo la volontà di valorizzare al massimo le risorse naturalistiche di Roccella Jonica, obiettivo riuscito appieno grazie alle idee che hanno sbizzarrito la fantasia degli autori, ma anche del montaggio del video, agli "attori" e agli ambienti.
Meritato primo posto per l'invenzione "Scirobetta" dal nome dei due cortiggiani del re Carafa che nel caldo estivo roccellese ha trovato rinfresco solo con questa speciale bibita a base dei nostri limoni... Simpaticissimi e bravissimi davvero tutti i ragazzini-attori che hanno recitato nel video. Con questo video credo che si mostra per la prima volta l'interno del nostro castello in via di restauro in rete. 10 e lode a Francesco Cappelleri, complimenti vivissimi.
Solo un'idea cosi innovativa poteva battere il vincitore dello scorso anno. Alessandro Neumann, dopo il simpaticissimo "U Pirozzu" con cui ha trionfato nella prima edizione, ha girato il secondo atto che si chiama "U tarantozzu" ed è ancora una volta uno strepitoso successo. Le suggestive immagini dal basso dei passi di taranta, dimostrano l'estro e il talento dell'autore che conferma molti dei protagonisti-attori de "U Pirozzu, che diventano delle vere e proprie macchiette. Non vedo già l'ora di vedere la terza parte il prossimo anno...
Da museo il terzo video classificato girato e montato da due giovani, Antonio Dimasi e Felice Guarneri, con lo zampino dei reperti "storici" fotografici dell'archivio dell'associazione "Roccella com'era". "Fra i ricordi di un passato" è la storia di due bambini che, attraverso stupende immagini del passato di Roccella Jonica che sembrano animarsi grazie agli effetti speciali degli autori, raccontano la vita di 50 anni fa del loro paese e alla fine, oggi, si chiedono... "Chissà come sarà fra 50 anni?" Bellissima colonna sonora e un invito a tutti di guardarlo, agli adulti per fargli rivivere meravigliose emozioni e ricordi e ai giovani per fargli scoprire la semplicità insieme al sorriso genuino che c'era una volta. Da pelle d'oca...
E adesso non ci resta che... ammirarli.

1° classificato Roccella on youtube "A SCIRUBETTA" di Francesco Cappelleri.

2° classificato Roccella on youtube "U TARANTOZZU" di Alessandro Neumann

3° classificato "FRA I RICORDI DI UN PASSATO" di Antonio Dimasi e felice Guarneri

Manifesto di ringraziamento di "Roccella prima di tutto"

A tre settimane dalle elezioni finite, la lista vincente ha affisso il manifesto di ringraziamento agli elettori. Fra i tanti bla bla bla non poteva mancare il concetto stonato:
"Si è trattato anche di una vittoria che ha confermato la grande maturità dell'elettorato di Roccella che ha deciso di premiare la lista che si presentava come la più capace ad amministrare il paese".
In un solo concetto si sono sparate due "caglie":
1) Il definire maturo il 40% che ha votato Zito mi sembra offensivo nei confronti del 60% che non lo ha votato. Io e sicuramente gli altri 59 su cento non crediamo affatto di essere immaturi, anzi orgogliosamente ci sentiamo coraggiosi e ambiziosi di volere una Roccella diversa da questi ultimi dieci anni!!!
2) E' patetico e sconcertante assistere a cosi tanta vanità e banalità (Mi vantu e vantu eu quantu bellu sugnu eu!!!). Questa gente mi sa che la semplicità e la modestia non sa dove sta di casa!!! Chiunque altro sia stato, per un principio di correttezza e di fiducia avrebbe scritto: "La lista vincente ringrazia l'elettorato e promette di farsi garante e lavorare a favore di tutti i cittadini roccellesi, indistintamente da chi ha votato questa lista e chi no..."
Comunque cara lista "Roccella prima di tutto" anch'io per tutta la campagna elettorale vi ho promosso...
Nell'andare in giro per Roccella non facevo altro che cantare la canzone: "Senatore siamo con te... Me no male che Siso c'è!!!"
Provate anche voi a farlo, mettendo al posto di presidente - senatore e al posto di Silvio - Siso... calza a pennello!!!
Spero possa essere il mio augurio di buon lavoro a "Roccella prima di tutto"!!!