Chi volesse inviarmi notizie, messaggi, comunicazioni di manifestazioni ed eventi da pubblicare sul blog può farlo attraverso la mail niko.25@hotmail.it



domenica 22 settembre 2019

MATTEO MAZZAFERRO, CAMPIONE NORD ITALIA DI MINIMOTO. ED ORA MANCA SOLO LA FINALE NAZIONALE.

Ancora una vittoria strepitosa per il piccolo Matteo Mazzaferro, 9 anni, che oggi sul circuito di Misano Adriatico a Cattolica, si è laureato campione della selettiva Nord Italia MLK (Minimoto leggere kart) Junior A. 


Un campionato di mini moto che ha avuto inizio il 17 marzo scorso, e dopo diverse esaltanti gare in vari importanti circuiti, è culminato questo pomeriggio con un primo posto che consente al nostro campioncino di origini roccellesi (il papà è
Luca Mazzaferro, nato e cresciuto a Roccella prima di sposarsi con la bella Daniela ed andare a vivere ad Alessandria, in Piemonte) di diventare, come detto, campione di tutto il Nord Italia per la categoria MLK e di partecipare, il prossimo 6 Ottobre, alla finale Nazionale.

E noi il 6 Ottobre prossimo, dal circuito di Ferrara, saremo pronti a tifare per Matteo e a documentare, lo speriamo proprio, un'altra sua grande, straordinaria soddisfazione.


Il piccolo campione Matteo con il papà Luca Mazzaferro.



BUON PELLEGRINAGGIO A TUTTI I GIOVANI UNITALSIANI IN PARTENZA DOMANI PER LOURDES

- Dal gruppo Facebook dell'Unitalsi Sottosezione di Locri

Lunedì (23 Settembre) vi è un treno che parte e che molti di noi vorremmo prendere al volo. Un treno su cui vorremmo salire ogni volta in cui sentiamo il fischio, ma sapere comunque che tanti amici, fratelli, e sorelle sono lì ad aspettarlo, carichi di felicità, è come se partissimo tutti.



Parecchi, ancora, quando ne parliamo, affermano...”per carità, è stancante !” Sono quelli che non hanno mai voluto “provare” a toccare la felicità. 


Quella felicità che è fatta di essenzialità, semplicità, sorrisi, e soprattutto FEDE E SERVIZIO. Quando corri attraversando 11 vagoni portando i pasti del catering, trascinando le enormi buste d’acqua, quando ti fermi negli scompartimenti, e accarezzi qualche volto, quando arrivi al “barellato” e senti i canti e la musica che ti avvolge tanto da non voler tornare al tuo posto, quando ascolti la S.S.Messa nel vagone/cappella, e rimani li da solo anche quando è finita...ecco, quella FELICITA’.



Quattro ore, e poi riposi per altre quattro, fino ad arrivare a trenta se tutto va bene, della totale durata del viaggio. Non vi è stanchezza che ti possa assalire, specialmente quando finalmente incroci la famosa centrale elettrica con l’enorme scritta LOURDES. 

Lunedì chi salirà su quel treno, proverà tutto questo, chi per l’ennesima volta, chi per la prima.

Loro sono pronti, stasera con grande emozione alcuni hanno ricevuto il primo investimento di benvenuto, qualcuna già "sorellina" ha vissuto il passaggio a "Dama", ma tutti insieme sono una grande squadra di giovani che, Lunedì, guidati da Don Giovanni, saliranno su un treno colmo di pura bellezza. 




A voi Amici, fratelli e sorelle dell’ UNITALSI, auguriamo buon pellegrinaggio nazionale . 

Chi rimarrà qui, vi seguirà attraverso i social, Voi pensate a tutti noi con le vostre preghiere davanti la grotta. 

Abbracciate per noi, tutti gli amici speciali che incontrerete, e porgetegli un sorriso e una carezza come se fossero i nostri. 

Buon viaggio e buon servizio, saranno sicuramente, come sempre, le trenta ore più belle della vostra vita.


LOCRI: GIOVANI IN VIAGGIO VERSO LOURDES - IL VIDEO.




mercoledì 18 settembre 2019

IL 25 SETTEMBRE INAUGURAZIONE DELL'ANTICO DIPINTO SU TELA DI SAN GIUSEPPE APPENA RESTAURATO

Il 25 Settembre prossimo, nella chiesa di San Giuseppe di Roccella Jonica, tornerà a fare bella mostra l'antico dipinto su tela collocato sull'altare, sottoposto al restauro in seno al progetto Arte e Fede promosso dalla Diocesi di Locri-Gerace presso la Cittadella Vescovile di Gerace diretta dal restauratore Giuseppe Mantella.


Il dipinto su tela, raffigurante San Giuseppe con Gesù Bambino in braccio e lo sguardo riverso sulle anime del Purgatorio risale agli inizi del 1800. Lo stesso versava in pessime condizioni anche e soprattutto a seguito all'incendio divampato nella chiesa nel 1994 durante il quale veniva trafugata peraltro la preziosa e gloriosa statua lignea del Santo realizzata a fine '700 da uno dei più grandi scultori calabresi dell'epoca; tale Vincenzo Scrivo di Serra San Bruno.


La magnifica tela, autentico pregio dell'arte pittorica calabrese, verrà ricollocata nella sua originale nicchia, sull'Altare Maggiore.


L'Arciconfraternita di San Giuseppe, che dal 1798 custodisce con attenzione e meticolosità l'antica Chiesa realizzata nel 1627 dal Principe Fabrizio Carafa, è felice e fiera di annunciare la messa in posa del magnifico dipinto ed invitare tutta la cittadinanza alla sua inaugurazione che si terrà, per l'appunto, mercoledi 25 Settembre davanti alle Autorità religiose, civili e militari.


Presenzieranno la conferenza S.E. Mons. Francesco Oliva, vescovo della Diocesi di Locri Gerace, il prof. Giuseppe Mantella, direttore della deputazione Cittadella vescovile Locri Gerace, la dott.ssa Daniela Vinci, funzionario della Soprintendenza di Reggio Calabria, Padre Francesco Carlino, parroco della Parrocchia di san Nicola di Bari e Padre spirituale dell'Arciconfraternita di San Giuseppe, il sindaco di Roccella Jonica, dott. Vittorio Zito e il priore dell'Arciconfraternita di San Giuseppe, Pasquale Mammone. 
Modererà gli interventi l'Avv. Gianluca Cartolano.


L'inaugurazione del prezioso dipinto restaurato avverrà nel corso della Santa Messa alle ore 17.30 che sarà celebrata dal Vescovo Francesco Oliva. A seguire si svolgerà la suddetta conferenza espositiva dei lavori di restauro.


domenica 15 settembre 2019

OGGI EPILOGO DELLA FESTA DI MARIA SANT.MA ADDOLORATA


LA FESTA PIÙ SENTITA A ROCCELLA DOPO QUELLA DI MARIA SS.ma DELLE GRAZIE È SICURAMENTE QUELLA DI MARIA SS.ma ADDOLORATA. 

UNA FESTA CHE SEGNA LA FINE DELLA STAGIONE ESTIVA E L' INIZIO DELLA STAGIONE AUTUNNALE. 

UN PERIODO UN PO' TRISTE MA RESO EMOZIONANTE DALLA FESTA DI SANTA MARIA ADDOLORATA. 



UNA FESTA COSÌ ANTICA MA ANCHE COSÌ NUOVA, RICCA DI "TRADIZIONI" E "PIETÀ POPOLARE". 

NEGLI ULTIMI 2 ANNI QUESTA FESTA HA RAGGIUNTO ALTI LIVELLI DIVENTANDO, A MIO AVVISO, DAL PUNTO DI VISTA CIVILE, LA FESTA PIÙ GRANDE DI ROCCELLA. 

GODIAMOCI QUINDI QUEST' ULTIMA FESTA CHE CI PREPARERÀ AD AFFRONTARE PIÙ SERENAMENTE UN NUOVO ANNO DI STUDIO E LAVORO PER POI ARRIVARE A VIVERE UN ALTRA ESTATE PIENA DI SUCCESSI E DIVERTIMENTI...
COMPLIMENTI VIVISSIMI AL COMITATO ORGANIZZATORE CHE CON IL SUO IMPEGNO HA REGALATO, IN QUESTI GIORNI, GRANDI EMOZIONI!!!

#EvvivaMaria
#EvvivaRoccella
                                          
                                 Matteo Pio Gagliano

Foto di Pino Curtale.

sabato 14 settembre 2019

IL "NUMERO ZERO" DEL MAGAZINE "FIORENTINA MIA" EDITO DA ANGELO LAGANA' OGGI DISTRIBUITO ALLO STADIO FRANCHI DURANTE LA PARTITA FIORENTINA JUVENTUS

Il presidente della Fiorentina Rocco
Commisso, insieme al figlio Joseph, ha
appena ricevuto il magazine
"Fiorentina mia"
E' fresco di stampa il "numero zero" del magazine "Fiorentina mia" realizzato da Angelo Santo Laganà, ed è stato già consegnato nelle mani del presidente Rocco Commisso, dei dirigenti e a tutti i calciatori, ed oggi pomeriggio verrà diffuso fra il pubblico dello stadio "Artemio Franchi" prima del fischio d'inizio di Fiorentina Juventus.

La nuova idea editoriale è nata grazie all'amicizia che si è instaurata tra il nostro concittadino Angelo Laganà e il presidente gioiosano Commisso e suo figlio Joseph, e sta ricevendo già tantissimi apprezzamenti proprio in queste ore fra gli addetti ai lavori, la società e i tifosi della Fiorentina.


Il giovane Joseph Commisso mette in bella
mostra il "numero zero" di "Forentina mia"
Solo l'esperienza e la professionalità di Angelo Laganà poteva in cosi poco tempo pensare e realizzare una rivista di grande qualità e contenuti che, naturalmente, non disdegna di esaltare la nostra terra calabrese attraverso alcuni dei suoi prodotti più rappresentativi, ossia l'amaro del capo della distilleria Caffo e i prodotti al bergamotto.  Fratelli Caffo che, peraltro, per il tramite di Laganà, hanno voluto far pervenire al presidente Commisso una preziosa bottiglia del "Vecchio amaro del capo"  realizzata in occasione dei 100 anni del famoso liquore calabrese.

Siamo davvero orgogliosi di aver ricevuto, appena uscito di stampa, direttamente dall'editore, il numero zero di "Fiorentina mia", e con grande soddisfazione pubblichiamo in questa pagina le foto della consegna del magazine nelle mani di Rocco e Joseph Commisso.



COMMOSSA LA RAGAZZA ALLA CONSEGNA DEI VOSTRI QUADERNI E VESTITINI

Qualche giorno fa ho lanciato un appello fra le pagine di questo blog per la raccolta di quaderni, materiale scolastico e dei vestitini per una bambina che quest'anno frequenterà la prima elementare. 

Appello che è stato raccolto da molti lettori del blog che hanno dimostrato la loro generosità.

Ieri la ragazza è passata dal negozio e con grande sorpresa ha visto le tantissime cose a lei destinate ed è rimasta a bocca aperta; quando ha visto cosi tanti quaderni, colori, zainetti e vestitini si è messa a piangere. Fortemente commossa ha manifestato il suo sentimento di ringraziamento con bellissime parole di preghiera.

Queste righe per trasmettere e demandare il ringraziamento di questa ragazza a tutti voi che avete manifestato il vostro grande cuore e spirito solidale.


In materiale raccolto e alla ragazza donato, nonostante non sia indirizzato per la sua bambina, siamo convinti che andrà a persone e famiglie che veramente hanno bisogno.

Grazie ancora!!!

giovedì 12 settembre 2019

PRIMO SEMINARIO ANNUALE "SPAZIO MARX"

Marx sceglie Roccella Jonica

Seminario di studi internazionale il 19 e 20 settembre all’ex Convento dei Minimi

Organizzato da: Luca Basso (Università di Padova),
Giorgio Cesarale (Università “Ca Foscari” di Venezia),
Vittorio Morfino (Università “Bicocca” di Milano)
Stefano Petrucciani (Università “La Sapienza” di Roma)



Quattro tra le più prestigiose Università italiane hanno scelto Roccella Jonica come sede del primo seminario annuale di “Spazio Marx” dal titolo “Per una rilettura delle ‘Formen’. 

Tempo e storia in Marx”. Luca Basso (Università di Padova), Giorgio Cesarale (Università “Ca’ Foscari” di Venezia), Vittorio Morfino (Università “Bicocca” di Milano) e Stefano Petrucciani (Università “La Sapienza”) sono i membri del Comitato organizzativo dell’iniziativa che si svolgerà il 19 e il 20 settembre 2019 all’ex Convento dei Minimi. 

Si tratta di un seminario internazionale, che prevede dieci interventi distribuiti in quattro sessioni, con la partecipazione di giovani studiosi, anche stranieri, e con il contributo di nomi importanti degli studi marxiani contemporanei tra i quali, oltre a Basso, Cesarale, Morfino e Petrucciani, spicca il filosofo Roberto Fineschi.

Il tema è più che mai attuale perché verte sull’analisi delle forme preborghesi di produzione, con l’idea di scorgerne vizi (la schiavitù) e virtù (proprietà e uso comune dei beni) e di dimostrare che il Capitale è un fatto storico e come tale non è eterno. 

L’occasione è ghiotta sia per i frequentatori abituali di Marx sia per quelli che non sono degli specialisti del suo pensiero ma hanno a cuore i problemi socio-economici ed etico-politici del giorno d’oggi. 

Ed è l’occasione che dà continuità alle riflessioni avviate durante l’edizione 2018 della Scuola Estiva di Altra Formazione in Filosofia “Giorgio Colli”, organizzata dall’Associazione Scholé, e dedicata proprio alla filosofia del Moro. 

«L’obiettivo è quello di valorizzare la straordinaria ricchezza del pensiero di Marx, a partire certo dalle importanti acquisizioni filologiche degli ultimi anni, ma senza trascurare la straordinaria eredità lasciataci dalla storia del marxismo novecentesco» - così affermano i quattro organizzatori. 

I lavori del seminario, che gode del patrocinio del Comune di Roccella Jonica, si apriranno giovedì 19 settembre alle ore 10.00 nel salone dell’ex Convento dei Minimi, con l’introduzione di Cesarale e il primo intervento affidato alla coppia Basso-Morfino. 

Per avere maggiori informazioni basta consultare il sito web www.spaziomarx.it .


Spazio Marx


LUNA PARK PATRUNO: PUNTO FERMO DEL DIVERTIMENTO DELL'ESTATE ROCCELLESE

La famiglia Patruno è fra i giostrai storici della Calabria, e per Roccella Jonica, in particolare, da anni rappresenta la gioia, il divertimento e il sano punto d'incontro per tante generazioni di ragazzi e ragazze che hanno eletto il Luna Park Patruno il loro punto di riferimento per incontrarsi nelle sere di Agosto. 


Un vero e proprio paese del divertimento dove tutti noi ci siamo passati; ci si è divertiti, sorridendo e magari anche, qualche volta, "sbucciandosi" qualche ginocchio, dove si sono fatti i primi incontri e le prime simpatie (magari scontrandosi con le "macchinine"), ascoltando la musica del momento come se si fosse in discoteca, ma sempre nella massima sicurezza, avendo pienamente fiducia dell'esperienza e della professionalità di una famiglia umile e seria che ha sempre messo al primo posto la sana, serena e sicura vivibilità del luna park.

Un'eredita straordinaria costruita dal caro Michele Patruno, che ci ha lasciati a Gennaio del 2015, e trasmessa oggi al figlio Giuseppe che, insieme al fratello Antonio e a mamma Grazia, hanno ricevuto l'importante testimone fatto di grande passione verso questo duro lavoro, ma anche di gentilezza, serietà e professionalità, e modi garbati con cui vengono accolti i tanti giovani a cui viene trasmessa gioia e tanto divertimento. 

Una passione trasmessa a tutti i membri delle famiglie di Giuseppe e Antonio, che, insieme, uniti, hanno superato ogni tipo di ostacolo e difficoltà. 

Cosi tanto le meravigliose Rosalba, Antonella, Simona e il piccolo Vincenzo, quanto Michela, Giovanni, Michele e Gioia possono dirsi fieri di aver portato avanti la tradizione di famiglia fatta di laboriosità, sudore ma anche tante soddisfazioni nel vedere tanti giovani divertirsi grazie al loro lavoro nell'offrire e mettere insieme questo servizio di puro e sano svago.


I fratelli Giuseppe e Antonio Patruno (dietro di loro si intravede  Rosalba,
la gentil moglie di Giuseppe) protagonisti della straordinaria realtà
del "Luna Park Patruno"
Il punto fermo del Luna Park Patruno è, naturalmente, l'autoscontro, ma il parco divertimenti è composto da tante altre attrazioni, per grandi e piccoli, come il tappeto elastico, il tiro al bersaglio, il pungiball, il lancio dei cerchietti, il calcio balilla, gonfiabili, ecc., fino ad arrivare alla degustazione delle buonissime crepes alla nutella preparate dal più giovane della famiglia, Michele, proprio colui che porta il nome del nonno e nutre un'amore sconfinato per questo lavoro.


Una famiglia sempre disponibile, dicevamo, gentile e dal cuore d'oro che regala ogni anno una serata indimenticabile agli autoscontri ai nostri amici diversamente abili nell'ambito del campo estivo Unitalsi.

Alle grandi attrazioni del luna park quest'anno si è aggiunto un altro meraviglioso servizio offerto per i roccellesi e per i turisti: un appariscente trenino panoramico (dai colori forti e vivaci e immagini significative del nostro paese) ha percorso in lungo e in largo i luoghi più suggestivi del nostro paese (Castello, Centro Storico, Porto delle Grazie, ecc), accompagnando i visitatori, con la musica in filodiffusione, nei vari tragitti. Il trenino preso d'assalto, fra l'altro, nella giornata del 10 di Agosto quando ha effettuato il servizio navetta nel contesto del mega concerto del Jova beach party, contribuendo a lasciare impressa nella mente degli ospiti una bella immagine della nostra cittadina.

Possiamo cosi ben dire che dell'estate roccellese, ricca e variegata, un punto fermo ed esclusivo è senz'altro rappresentato dal Luna Park Patruno che quest'anno ha voluto chiudere la stagione a Roccella Jonica, per la gioia dei nostri ragazzi che cosi si potranno godere la coda della loro spensierata estate proprio fino al giorno prima dell'inizio dell'anno scolastico.
Giuseppe Patruno, con il sorriso sempre stampato sulle labbra, fra le vie del
nostro paese con il suo appariscente trenino panoramico.

Grazie ancora a questa straordinaria famiglia per aver allietato un'altra estate roccellese che rimarrà nei ricordi più belli dei nostri ragazzi.



RETTIFICA SUL DISTACCO DELLA CORRENTE ALLA SCUOLA MEDIA

In un post pubblicato in questo blog martedi scorso, ho riferito del depotenziamento della corrente elettrica presso il plesso scolastico di via Trastevere (scuola media) a causa del mancato pagamento della bolletta da parte del Comune.

La notizia è giunta all'attenzione del sottoscritto da fonte  attendibile che, evidentemente, non era a conoscenza, come me, che in quella giornata l'Enel ha effettuato la temporanea sospensione dell'energia elettrica in via E. fermi per effettuare dei lavori; sospensione che, evidentemente, ha interessato anche il plesso scolastico in questione come anche la scuola dell'infanzia di via Giardini.

La notizia giunta alla mia attenzione, come dicevo da fonte molto attendibile, è stata chiara e precisa: "Se il Comune non paga la bolletta dopo il primo sollecito che gli viene inviato, è normale che la luce viene staccata!"

Appurato della non conoscenza dei lavori effettuati dall'Enel nella zona della scuola, in questo episodio una cosa viene fuori, chiara e lampante, e non ho motivo di dubitare: l'affermazione di chi mi ha fornito la notizia, e la sa lunga su ciò che accade nell'amministrazione, è molto preoccupante perchè dimostra che il nostro Comune ha la consuetudine di non pagare le bollette alla naturale scadenza.

E comunque, nel momento in cui ho ricevuto questa informazione, non mi sono fatto tanta meraviglia perchè non è una novità che al Comune gli vengono staccate le forniture. 
Riferivo martedì scorso della fornitura del metano sospeso, con i sigilli alla caldaia, al campo sportivo; e non è lontana neanche la data in cui è stata staccata la corrente elettrica alla Saub di via Vittorio Emanuele di competenza del Comune che poi si rivaluta sull'ASP, distacco questo che ha causato per diversi giorni disservizi ai cittadini roccellesi.

Quindi, nonostante la mancanza della corrente alla scuola media in questa circostanza non sia stata causata dal mancato pagamento della fattura, l'espressione "che il Comune non paga le bollette dopo i solleciti...." detta da una persona di cui non ho alcun dubbio sulla veridicità di quel che dice, fa credere allo stesso modo, in una gestione molto allegra della spesa pubblica.

Ah, dimenticavo.... Questo blog non getta fango contro l'amministrazione... Questo blog, come è noto a tutti, da dieci anni, manifesta contrarietà sull'operato di questa amministrazione sovranista. Ho visto talmente tanti cambiamenti di casacca in questi anni per interessi personali o politici, che non mi preoccupano affatto le critiche di chi simpatizza, oppure simpatizzava poi li detestava e ora ritorna ad osannare, per l'amministrazione.

A me interessa soltanto riportare la verità, l'altra faccia della medaglia che non sia quella dell'apparenza e della propaganda, e visto che l'ho sempre fatto e sempre in buona fede non ho nessun problema di ritornare sui miei passi nel momento in cui un'informazione mi è stata data sbagliata.

mercoledì 11 settembre 2019

Asilo nido gratis per redditi medio-bassi: la promessa del nuovo Governo alle famiglie

Per molte famiglie l’iscrizione agli asili nido diventerà gratuita a partire dall’a.s. 2020-2021: lo ha promesso il Premier Giuseppe Conte nel corso del suo discorso alla Camera.


“Sugli asili nido non possiamo indugiare oltre”; con queste parole il premier Giuseppe Conte ha iniziato ad illustrare il programma del Governo M5S-PD sulla Scuola.

Una delle priorità del Governo Conte (Bis), quindi, riguarderà il rafforzamento del sistema integrato 0-6, in particolar modo per quel che riguarda l’asilo nido.

Nel dettaglio, l’obiettivo fissato dal Premier prevede il rafforzamento dell’offerta e della qualità dell’educazione  fin dal nido;  un investimento che Conte definisce “strategico” per il futuro della nostra società, dal momento che è qui che si combattono quelle disuguaglianze sociali che si manifestano “già nei primissimi anni di vita”.

Allo stesso tempo l’asilo nido è un importante strumento per le donne, in quanto garantisce loro una completa integrazione nella comunità di vita sociale e lavorativa.

Come spiegato da Giuseppe Conte nel suo intervento alla Camera, è assolutamente necessario “contrastare la falsa mitologia per cui la cura della comunità familiare, dei figli e degli anziani possa rappresentare un ostacolo ad una più intensa partecipazione al mercato del lavoro”.

Raggiungere entrambi gli obiettivi - cura della famiglia e occupazione - è possibile ma solo con:

adeguate politiche di offerta di servizi alle famiglie;
una coerente distribuzione del carico fiscale;
una lotta alla discriminazione di genere.
Ebbene, il progetto che ha in mente il Governo Conte Bis interviene su questi punti, specialmente sui primi due. Già per il 2020-2021, infatti, si cercherà di mettere in atto due provvedimenti che possano risolvere due dei grandi problemi che in questi anni hanno reso impossibile, per alcune famiglie, l’approccio agli asili nido pubblici: la mancanza di posti e la retta insostenibile.

Per quanto riguarda gli asili nido il Governo Conte Bis intende muoversi in due differenti direzioni:

da una parte si impegna - specialmente nel Mezzogiorno - ad incrementare l’offerta dei posti disponibili, così da permettere a più famiglie di iscrivere i propri figli agli asili nido pubblici;
dall’altra si adopererà - insieme alle Regioni - per individuare una misura di intervento in favore delle famiglie con redditi medio bassi che possa azzerare totalmente le rette per la frequenza di asili nido e micro nidi a partire dall’anno scolastico 2020-2021.
Due misure necessarie non solo per far sì che le persone possano conciliare gli impegni lavorativi con quelli connessi alla cura delle famiglie, ma anche per sostenere la natalità e contrastare il declino demografico.

Asili nido gratuiti dal 2020-2021: cosa cambia rispetto ad oggi?

Oggi anche le famiglie meno abbienti pagano l’asilo nido pubblico: è vero sì che la retta è proporzionale al reddito familiare, ma in ogni caso non si arriva mai a zero euro.

Dal 2020-2021, invece, per molte famiglie (i limiti di reddito non sono stati specificati ma Conte ha parlato di fasce medio-basse) la retta per l’asilo nido dovrebbe essere totalmente gratuita.

In realtà già oggi è così: grazie al Bonus Nido (per il quale non è richiesto alcun limite Isee), infatti, le famiglie possono recuperare quanto speso per la frequenza al nido dei propri figli fino ad un massimo di 1.500€ annui.

Fino a 136,36€ mensili, quindi, li paga lo Stato, con il cittadino che qualche mese dopo otterrà il rimborso di quanto speso
È comunque il genitore a dover anticipare le spese del nido; a tal proposito bisogna considerare che non tutte le famiglie hanno la possibilità economica di anticipare queste spese, ed è per questo che in molti sperano che la promessa fatta di Conte - con la quale l’asilo nido diventerebbe completamente gratuito al di sotto di una determinata (ma non ancora specificata) fascia di reddito - si concretizzi a breve.

Per sapere di più sul Bonus nido (rimborso delle spese del nido fino a 1500 euro, attualmente in vigore) vi lascio questo link da consultare

Le campionesse del volley contro la violenza sulle donne.

DUE STRAORDINARI SCATTI DI ANGELO LAGANA'

Un Lungomare così, a Reggio, non si vedeva da tanti tanti anni. Le Frecce Tricolori hanno richiamato in città decine di migliaia di persone da tutte le province calabresi e da gran parte della Sicilia. La via Marina, completamente chiusa al traffico in occasione della seconda “domenica sostenibile”, s’è gremita di circa 100.000 persone che nel pomeriggio hanno assistito incantate allo spettacolo dell’Air Show “Scilla & Cariddi” con l’esibizione delle celebri Frecce Tricolore.

.

.
.

.

.

VINCENZO MILANO CI REGALA L'ECLISSI SOLARE VISTA DAL CASTELLO

.

Oggi 20 marzo, nonostante le nuvole, abbiamo potuto assistere, dalle nove e mezza fino alle undici, all'eclissi di sole. Qui da noi il sole, "coperto" dall'ombra della luna, si è oscurato soltanto per il 41%. La prossima eclissi parziale avverrà nel 2026 mentre per avere un'altra eclissi solare totale dovremmo "attendere" fino al 2081.
Questo straordinario evento è stato filmato dal videomaker Vincenzo Milano del Laboratorio DreamLab Studio di Roccella Jonica dalla postazione della Torre di Pizzofalcone. Un video, montato e musicato con grande sapienza, capace di trasmettere un brivido di emozione.

FESTIVAL JAZZ: DALLA GRANDE ILLUSIONE ALL'IMPIETOSA REALTA'

.

.
Il regalo di Natale del M°. Angelo Laganà

OLTRAGGIO ALLA CITTA'

OLTRAGGIO ALLA CITTA'
OLTRAGGIO ALLA CITTA'. Foto di Angelo Laganà
Bellissimo video su Roccella Jonica realizzato e concesso da Roberto Naldi - operatore di ripresa per la RAI - di Empire 2000.

Fantasia e tanto divertimento per questo video davvero simpatico. Complimenti agli autori!

Fantasia e tanto divertimento per questo bel video sulla differenziata davvero molto simpatico. Complimenti agli autori
DOPO LA SOPPRESSIONE DEI TRENI CHE DALLA FASCIA IONICA DELLA CALABRIA PARTONO ED ARRIVANO DA TORINO E MILANO, TRENITALIA ED RFI HANNO DECISO DI SOPPRIMERE DAL PROSSIMO MESE DI DICEMBRE IL TRENO PER ROMA CREANDO COSI' UN ENORME DISAGIO PER TUTTI I VIAGGIATORI CHE DALLE GRANDI CITTA' SONO DIRETTI NELLE NOSTRA AMATA TERRA.



NESSUN POLITICO SI STA MUOVENDO, NESSUNA ISTITUZIONE STA CERCANDO DI TROVARE UNA SOLUZIONE.



TUTTO CIO' PROCURERA' NON SOLO UN PROBLEMA LOGISTICO PER LE MIGLIAIA DI PERSONE CHE CAUSA FORZA MAGGIORE VIVONO, STUDIANO O LAVORANO AL NORD ED AVRANNO MOLTE DIFFICOLTA' NEL RITORNARE A CASA, MA QUESTO PROVOCHERA' ANCHE UN INEVITABILE CALO NEL SETTORE DEL TURISMO, UNICO SOSTENTAMENTO NELLE ZONE DIMENTICATE DA POLITICA E POLITICANTI.



UN NETTO CALO DI TURISTI SI ERA GIA' AVVERTITO NEGLI SCORSI ANNI ANCHE E SOPRATTUTTO A CAUSA DELLE DIFFICOLTA' NEI TRASPORTI, MA ORA QUESTA DECISIONE CHE RITENIAMO ASSURDA E SENZA SENSO, AVRA' DEI RISVOLTI DISASTROSI PER TUTTI I PAESI CHE VANNO DA CATANZARO A REGGIO.



SE POLITICI COMPIACENTI NON HANNO INTENZIONE DI TROVARE UNA SOLUZIONE QUESTA VOLTA SONO SICURO CHE LA SPINTA DEBBA PARTIRE DAL BASSO E DA CHI VIVE ED AMA LA NOSTRA TERRA.



INSIEME POSSIAMO!



http://www.facebook.com/home.php?sk=group_168290399868580

ECCO PERCHE' POCO PIU' DI UN ANNO FA PESTAVA I PUGNI SUL TAVOLO DEL CONVENTO DEI MINIMI

ECCO PERCHE' POCO PIU' DI UN ANNO FA PESTAVA I PUGNI SUL TAVOLO DEL CONVENTO DEI MINIMI
Quale sindaco mai oltre a lui stesso o a chi per lui avrebbe consentito una liquidazione cosi rapida a suo favore? Un ulteriore una tantum prelevato da un fondo "segreto e nascosto". Cari elettori meditate...Dedicato a tutte quelle associazioni che partecipano alle riunioni con l'amministrazione la quale puntualmente ricorda pressappoco cosi: "Non chiedete soldi perchè non ce ne sono!"

16 ottobre 2005-16 ottobre 2009:4 anni dall'omicidio Fortugno."U cumpari du cumpari e to' cumpari!"

I VINCITORI DI ROCCELLA ON YOUTUBE

Tre straordinari video sono saliti sul podio in questa 2° edizione del Concorso curato da Mariagrazia Curciarello. Tre video, diversi fra loro, che li accomuna solo la volontà di valorizzare al massimo le risorse naturalistiche di Roccella Jonica, obiettivo riuscito appieno grazie alle idee che hanno sbizzarrito la fantasia degli autori, ma anche del montaggio del video, agli "attori" e agli ambienti.
Meritato primo posto per l'invenzione "Scirobetta" dal nome dei due cortiggiani del re Carafa che nel caldo estivo roccellese ha trovato rinfresco solo con questa speciale bibita a base dei nostri limoni... Simpaticissimi e bravissimi davvero tutti i ragazzini-attori che hanno recitato nel video. Con questo video credo che si mostra per la prima volta l'interno del nostro castello in via di restauro in rete. 10 e lode a Francesco Cappelleri, complimenti vivissimi.
Solo un'idea cosi innovativa poteva battere il vincitore dello scorso anno. Alessandro Neumann, dopo il simpaticissimo "U Pirozzu" con cui ha trionfato nella prima edizione, ha girato il secondo atto che si chiama "U tarantozzu" ed è ancora una volta uno strepitoso successo. Le suggestive immagini dal basso dei passi di taranta, dimostrano l'estro e il talento dell'autore che conferma molti dei protagonisti-attori de "U Pirozzu, che diventano delle vere e proprie macchiette. Non vedo già l'ora di vedere la terza parte il prossimo anno...
Da museo il terzo video classificato girato e montato da due giovani, Antonio Dimasi e Felice Guarneri, con lo zampino dei reperti "storici" fotografici dell'archivio dell'associazione "Roccella com'era". "Fra i ricordi di un passato" è la storia di due bambini che, attraverso stupende immagini del passato di Roccella Jonica che sembrano animarsi grazie agli effetti speciali degli autori, raccontano la vita di 50 anni fa del loro paese e alla fine, oggi, si chiedono... "Chissà come sarà fra 50 anni?" Bellissima colonna sonora e un invito a tutti di guardarlo, agli adulti per fargli rivivere meravigliose emozioni e ricordi e ai giovani per fargli scoprire la semplicità insieme al sorriso genuino che c'era una volta. Da pelle d'oca...
E adesso non ci resta che... ammirarli.

1° classificato Roccella on youtube "A SCIRUBETTA" di Francesco Cappelleri.

2° classificato Roccella on youtube "U TARANTOZZU" di Alessandro Neumann

3° classificato "FRA I RICORDI DI UN PASSATO" di Antonio Dimasi e felice Guarneri